/ Politica

Politica | 16 giugno 2019, 15:03

Appendino indagata, Giustizia&Sicurezza: "Appurare i fatti, ma senza processi mediatici e accuse strumentali"

"Chi ha sbagliato paghi, ma nessuno sia condannato fino alla sentenza definitiva. Torino sta con la Magistratura"

Appendino indagata, Giustizia&Sicurezza: "Appurare i fatti, ma senza processi mediatici e accuse strumentali"

"L’inesorabile fallimento delle istituzioni, nazionali e locali, è sotto gli occhi di tutti. Chi ha sbagliato paghi, ma nessuno sia condannato fino alla sentenza definitiva. Torino sta con la Magistratura”. Lo dichiarano, in una nota, Paolo Biccari e Marco Paganelli, responsabili di Giustizia & Sicurezza, realtà che raccoglie la voce di migliaia di persone nel capoluogo piemontese e in Italia.

“I cittadini – aggiungono – vogliono che i giudici chiariscano i fatti senza che vengano lanciate, al contempo, accuse strumentali contro Chiara Appendino, né processi mediatici contro di lei”, concludono i responsabili. L’associazione interviene così sulla notizia dell’avviso di garanzia, nei confronti della prima cittadina del capoluogo piemontese, per l’accusa ipotetica di concorso in peculato per una consulenza affidata, dalla Fondazione per il Salone del Libro, al suo ex capo ufficio stampa Luca Pasquetta.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium