/ Cronaca

Cronaca | 17 giugno 2019, 13:00

Nuova stagione del Regio, contestati Appendino e Graziosi: applausi per Galoppini e Noseda

Fischi e contestazioni da parte del pubblico, quando alla fine è stato annunciato che non sarebbe stato possibile fare domande, se non sul programma presentato oggi

Nuova stagione del Regio, contestati Appendino e Graziosi: applausi per Galoppini e Noseda

 

Un lungo applauso dei lavoratori e del pubblico ha accolto l'intervento dell'ex direttore artistico del Regio Alessandro Galoppini, oggi alla presentazione della nuova Stagione d'Opera e Balletto 2018-2019. Un profondo segno di affetto di tutte le maestranze, ma anche dei melomani nei confronti dell'attuale direttore dell'area artistica, decaduto dall'incarico più prestigioso con le dimissioni del comitato d'indirizzo. 

Un calore preceduto da una grande freddezza nei confronti delle parole del sovrintendente William Graziosi, in contrasto fin dall'inizio con Galoppini. "In queste settimane - ha detto Graziosi - le vicende del teatro hanno occupato le pagine dei quotidiani, segno di un'accesa dialettica culturale che vede nel Regio il centro della cultura cittadina"

"Nel rispetto di questa istituzione - ha aggiunto - e dei lavoratori, ho letto parole di guerra civile che ci hanno ferito in questo teatro: qui lavoriamo ogni giorno per costruire la pace attraverso la bellezza. Qui nessuno vede l'avversario come nemico, le normali tensioni sono fisiologiche". 

"Il mio compito - ha proseguito Graziosi - è costudire e valorizzare un teatro che ha 300 anni di storia: tutto comincia da un cambiamento e l'idea del teatro moderno aperto a tutti e gestito come azienda non deve intimorire". Graziosi ha ricordato poi la situazione iniziale dal maggio 2018, "quando lo spettro del commissariamento si stava concretizzando". 

Fischi e contestazioni da parte del pubblico all'indirizzo di Graziosi e Appendino quando alla fine è stato annunciato che si sarebbe risposto alle domande dei giornalisti sul futuro del sovrintendente Graziosi in separata sede, a cui ha fatto da contrappunto un lungo applauso per l'ex direttore d'orchestra Gianandrea Noseda. "Certe dinamiche - ha replicato il sindaco Chiara Appendino- prevedono incontri tra privati".

"In questi anni - ha aggiunto tra i fischi del pubblico - non mi sono mai sottratta al confronto con i lavoratori". "Dato che il Consiglio d'Indirizzo si riunirà il 19 giugno, questa non è la sede per rispondere a domande sul nuovo sovrintendente ed altri incarichi"ha concluso la prima cittadina, aggiungendo poi"stiamo cercando di dare delle fondamenta economiche sicure al Regio grazie anche ad un piano di sviluppo che prevede investimenti in 5 anni per 14 milioni di cui 12 già coperti".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium