/ Attualità

Attualità | 18 giugno 2019, 15:35

Il 26 giugno a Roma manifestazione per salvare i macachi di Torino e Parma dagli esperimenti

Un presidio apartitico e apolitico di resistenza passiva e non violenta

Il 26 giugno a Roma manifestazione per salvare i macachi di Torino e Parma dagli esperimenti

Dal 26 giugno al 10 luglio si svolgerà a Roma una manifestazione permanente per salvare i macachi di Torino e di Parma dagli esperimenti che li renderebbero ciechi.

Si tratta di un presidio RIGOROSAMENTE APARTITICO E APOLITICO di resistenza passiva e non violenta, con sciopero della fame a oltranza, davanti al Ministero della salute, per chiedere alla ministra Giulia Grillo, un colloquio sulla questione dei macachi che dovrebbero essere accecati. "Saremo lì giorno e notte, sotto il caldo torrido, a digiunare finché il ministro non riceverà una nostra delegazione".

"Tutti, chi più, chi meno, abbiamo le nostre vite sofferte, i nostri problemi, più o meno grandi, i nostri animali, i nostri affetti, il nostro futuro (forse) a cui pensare. Nessuna scusa. Almeno per chi vive a Roma o zone limitrofe. Chi proprio non potrà essere sul posto H24, si organizzi. Venga dopo il lavoro, se possibile prenda qualche giorno di ferie, resti con noi la notte. Organizzi dei turni con i propri amici, in modo da far si che la nostra presenza sia sempre nutrita".

"Insieme potremo gridare e lo faremo tanto forte che saranno costretti ad ascoltarci prima o poi. Se da soli, le nostre voci saranno flebili, ogni giorno di più, piagate dal digiuno. Siate i loro occhi, prima che questi non possano più vedere la luce".

Sono benvenuti tutti e tutte. Singoli attivisti, gruppi, associazioni. Soprattutto, sarebbe importante "il patrocinio" e la partecipazione delle grandi associazioni animaliste storiche. Quelle con migliaia di iscritti che sono in grado di smuovere enormi flussi di persone. Medici, scienziati, esperti che possano confutare la validità scientifica della pratica della vivisezione".

 

"Non usiamo i fondi pubblici per esperimenti sugli animali. Usiamoli per restituire servizi validi gratuiti e una buona sanità ai cittadini e alle cittadine che pagano le tasse".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium