/ torinoggi.it

torinoggi.it | 18 giugno 2019, 12:09

A scuola di HDA: si apre a Torino il corso Sifo per farmacisti ospedalieri

Il corso prevede interventi introduttivi e fondativi: l'evento formativo torinese è frutto del lavoro del Laboratorio HTA

A scuola di HDA: si apre a Torino il corso Sifo per farmacisti ospedalieri

L’Health Technology Assessment (HTA) è quell'approccio multidimensionale e multidisciplinare “per l’analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia attraverso la valutazione di più dimensioni quali l’efficacia, la sicurezza, i costi, l’impatto sociale e organizzativo”. Tale approccio all'interno dei sistemi sanitari valuta gli effetti reali e/o potenziali della tecnologia durante tutto il suo ciclo di vita, adottando punti di vista rilevanti al fine di prendere decisioni di investimento, gestione e disinvestimento. 

Proprio per la sua capacità di orientare scelte razionali sulle tecnologie in un contesto di risorse scarse, l’HTA si pone come uno strumento sistematico e decisivo nel garantire il diritto all’assistenza sanitaria e alle migliori terapie efficaci, uno strumento che però deve essere messo a disposizione degli operatori sanitari con chiarezza, trasparenza ed efficacia.

Alla luce di queste premesse la Società Italiana del Farmacisti Ospedalieri e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) ha messo a punto un percorso di formazione specifica sui risvolti concreti dell’applicazione delle logiche e dei metodi dell’HTA, “Pratiche di HTA per il farmacista ospedaliero” (AC Hotel- Marriott, Torino, 19-20 giugno 2019). Quali sono lo scopo e gli obiettivi di questo corso residenziale? “Il Laboratorio HTA, intende diffondere conoscenze e competenze pragmatiche sui principi e sull’utilizzo dell’HTA a supporto delle decisioni a livello regionale ed aziendale ad integrazione delle più tradizionali competenze del farmacista ospedaliero”, puntualizza Francesco Cattel, Segretario Nazionale SIFO e coordinatore del Laboratorio, “Come spesso accade, alla velocità e urgenza della revisione della spesa pubblica, non sempre si associa la profondità di analisi e accurata gestione delle risorse. Nel nostro sistema sanitario, la difficoltà maggiore è quella di portar e il metodo dell’HTA nella pratica quotidiana degli operatori sanitari. Alla luce di queste premesse, il corso di formazione che proponiamo in questi giorni a Torino è strutturato per offrire ai Farmacisti Ospedalieri una formazione specifica sui risvolti concreti dell’applicazione delle logiche e dei metodi dell’HTA nella pratica quotidiana di gestione”.

Il Corso prevede interventi introduttivi e fondativi (tra cui quelli del prof. Amerigo Cicchetti – Uni.Cattolica, ALTEMS: L’Health Technology Assessment per il governo dei sistemi sanitari; del prof. Francesco Saverio Mennini -Uni.Tor Vergata: Sfide e tendenze nell’HTA del Farmaco e dei Dispositivi; e del prof. Davide Croce -LIUC: L’integrazione tra HTA e procedure d’acquisto), sessioni e comunicazioni su specifiche aree di applicazione (Sostenibilità delle cure e ruolo del farmacista ospedaliero, Comunicazione efficace e negoziazione budget ospedaliero e Procedimenti di acquisto alla luce delle nuove disposizioni introdotte dal Codice dei Contratti Pubblici), ma anche alcune prove interattive con discussione pubblica degli elaborati.

L'evento formativo torinese è frutto del lavoro del Laboratorio HTA: quali sono le esigenze a cui più complessivamente questa attività SIFO cerca di rispondere? “Obiettivo principale del Laboratorio HTA è la formazione dei farmacisti ospedalieri”, precisa il Segretario Nazionale Cattel, “fornendo loro competenze relative a rispondere alla necessità diffusa di contenimento della spesa sanitaria e agli sforzi a misurare più approfonditamente il valore, l’accesso e l’appropriatezza d’uso dei trattamenti terapeutici. Tale attività di formazione è finalizzata alla creazione di un linguaggio comune su temi, quali: sviluppare una cultura e una metodologia di valutazione delle tecnologie come parte integrante e qualificante le normali attività del farmacista; promuovere la formazione teorico-pratica nell'ambito dell'HTA dei farmaci e dei DM, in riferimento al contesto nazionale ed internazionale; pianificare e realizzare progetti di ricerca multicentrici e multidisciplinari nel settore della valut azione delle tecnologie di interesse e pertinenza del farmacista delle aziende sanitarie”.

Dopo l'esordio a Torino, il Corso “Pratiche di HTA per il farmacista ospedaliero” avrà un suo sviluppo in altre città: è infatti stato progettato come modello “esportabile” sulla base dei principi della action learning. Tale modello formativo, erogato in due giornate, si ripeterà quindi a Napoli e a Catania. Perchè il progetto presenta questa vocazione ad essere replicato? Risponde il Segretario Nazionale SIFO: “Questi incontri vogliono creare le condizioni adatte affinchè farmacisti, regolatori ed utenti finali possano discutere in modo strutturato sui molteplici aspetti che interessano la professione del Farmacista Ospedaliero in un contesto così diversificato come quello del Sistema Sanitario italiano”.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium