/ Eventi

Eventi | 20 giugno 2019, 15:50

L’inno alla vita dei funamboli evento clou del Festival Lunathica

Nell’oasi naturale de I Goret, a Nole, raggiungibile a piedi o in bicicletta

L’inno alla vita dei funamboli evento clou del Festival Lunathica

Lunathica continua a riempire di colore, gioia, emozioni e soprattutto spettatori di tutte le età piazze, cortili, centri storici ridisegnati da performance capaci di far commuovere, divertire ed emozionare il pubblico Portare lo spettacolo in contesti inconsueti è una delle vocazioni del Festival e sarà estremamente emozionante e suggestivo trovarsi anche quest’anno (sabato 22 giugno, Nole) immersi nella natura e nella cornice dell’oasi naturalistica “I Gorét” (un magnifico bosco nel cuore dell’area naturale, collegata al comune di Nole attraverso la pista ciclabile Corona Verde Stura) che si riconferma come il perfetto contesto bucolico in cui gustarsi l’emozione di “Sodade”, spettacolo di nuovo circo con musica live concepito dal funambolo Aurélien Prost , co-fondatore del collettivo Cirque Rouages. Un vero e proprio evento al quale il pubblico è invitato a partecipare raggiungendo la location percorrendo a piedi o in bicicletta i sentieri e i percorsi guidati che attraverso il bosco conducono all’oasi naturalistica, lasciando l’auto al parcheggio del Santuario di San Vito di Nole (da dove in orario 20.00/21.00 parte anche una navetta per anziani e diversamente abili).

Lo spettacolo. Su una struttura scenica (concepita e realizzata dalla compagnia stessa) che ricorda un grande proiettore Super-8 con due gigantesche ruote capaci di tenere in tensione un filo/pellicola su cui viaggiano a diversi metri da terra equilibristi e funamboli, lo spettacolo dispiega un flusso di sentimenti. I corpi di quattro artisti si muovono su un filo che sembra infinito ed oscilla senza tregua; i funamboli sospesi scorrono da un lato all’altro come onde di un passato che ritorna e riparte senza fermarsi mai. Un inno alla vita portato in scena da un’eccellenza della scena francese che propone una poetica del corpo e dell’immagine accompagnata da musicisti che suonano, cantano e raccontano una favola di grandi altezze.

Ingresso libero. Programma su www.lunathica.it

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium