/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 17 luglio 2019, 15:07

Edilizia scolastica, ecco il piano per il trasferimento delle succursali degli istituti scolastici Bosso-Monti e Steiner

Fino alla messa in sicurezza degli edifici, gli studenti verranno temporaneamente ospitati presso l'IIS "Russel Moro" di via Salerno e l'IIS "Beccari" di via Pesaro: lo ha deciso la Città metropolitana

Edilizia scolastica, ecco il piano per il trasferimento delle succursali degli istituti scolastici Bosso-Monti e Steiner

Le succursali degli istituti scolastici "Bosso-Monti" di via Perrone e "Steiner" di via Assarotti sono state trasferite presso l'IIS "Russel Moro" di via Salerno e presso l'IIS "Beccari" di via Pesaro: lo ha deciso la Città metropolitana di Torino, ente competente per l'edilizia scolastica delle scuole secondarie di secondo grado, per motivi precauzionali di sicurezza.

Questi temporanei trasferimenti consentiranno di programmare gli interventi necessari, con qualche disagio per studenti e insegnanti per il prossimo anno scolastico, ma in un clima di totale sicurezza.

"Il Comune di Torino - come sottolinea l'assessora comunale ad istruzione ed edilizia scolastica  Antonietta Di Martino - ha operato in collaborazione con la Città metropolitana concordando per l'anno scolastico 2020/21 di riunire le attività del "Bosso - Monti" in via Meucci, con la ricollocazione degli uffici della Circoscrizione in una sede centrale".

"Con il Comune di Torino è stata avviata da tempo un'interlocuzione - spiega il consigliere delegato ai lavori pubblici e infrastrutture della Città metropolitana Antonino Iaria - per trovare insieme le migliori soluzioni percorribili. Per quanto riguarda lo "Steiner" è prevista la sistemazione definitiva in via Pesaro 11, che potrà essere  dismesso  dall'IIS "Beccari" a seguito dell'ampliamento  della sede di via Parenzo".

"Ci rendiamo conto delle difficoltà temporanee che gli istituti coinvolti dovranno affrontare - concludono  Iaria  e Di Martino - e ringraziamo i dirigenti scolastici per la loro collaborazione a quello che definiamo un ambizioso piano di risoluzione di un problema che si protrae da troppo tempo".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium