Eventi - 31 luglio 2019, 11:00

Antonio Vivaldi protagonista a Fossano ed Elva con il “Voxonus Festival”

La meraviglia della musica barocca conquista il Piemonte con le “Quattro Stagioni”

Antonio Vivaldi protagonista a Fossano ed Elva con il “Voxonus Festival”

Venerdì 2 agosto approda al Castello dei Principi d'Acaja di Fossano l’8^ edizione del “Voxonus Festival - Dalle Alpi al Mare”. Appuntamento alle ore 21.15 nel nome della musica barocca con il “Voxonus Ensemble”Valeria La Grotta, soprano e Maurizio Cadossi, violino concertante. Al centro del ricco programma, l’opera magna di Antonio Vivaldi: le “Quattro Stagioni” – “Il cimento dell’armonia e dell’inventione”, op. 8 – con Arie descrittive per soprano, archi e b.c.

Ingresso concerto Fossano: € 10.00, biglietteria sul posto. Gratuito per i bambini fino ai 10 anni di età e per gli Associati dell'Orchestra Sinfonica di Savona.

Il Festival prosegue poi domenica 4 agosto con una tappa nella caratteristica Chiesa Parrocchiale di S. Maria Assunta a Elva. Inizio concerto ore 16. Un appuntamento suggestivo, sempre nel nome del compositore veneziano, conquisterà il pubblico in una location unica per arte e storia.

La Chiesa Parrocchiale di S. Maria Assunta a Elva ricorda la presenza in loco di un presidio militare romano. Un fatto determinante per la storia della Valle Maira e di Elva in particolare fu la costituzione del Marchesato di Saluzzo. Il territorio del Marchesato passò successivamente alla Francia (1548-1601). Con il trattato di Lione del 1601, il Marchesato entrò definitivamente nel Regno di Savoia.

La data della costruzione della chiesa è incerta, tuttavia le prime notizie si hanno a partire dal 1355. L’attuale struttura è il risultato finale di aggiunte, ampliamenti e modifiche eseguite nel corso del tempo. La chiesa era in origine costituita da un’unica aula con accesso dall’attuale cimitero, successivamente fu allungata e affiancata da altri locali e l’ingresso fu spostato nell’attuale posizione. Il portale di ingresso è ad arco strombato con caratteristiche tardo romaniche e decorazioni rosse dipinte sulle cornici dell’arco e sulle semicolonne dei piedritti. Le travi d’imposta decorate con “tetes coupées” di uomini e animali, palmette, figurazioni simboliche. Nella lunetta è raffigurata una Madonna in trono con Bambino. All’interno l’arco trionfale, attraverso il quale si accede al presbiterio, è databile alla fine del XIV secolo. L’arco presenta una decorazione comprendente i simboli degli evangelisti, l’Agnus Dei, San Giorgio e il Drago, i dannati dell’Inferno, la Madonna con Bambino, i simboli dei mesi e piccoli elementi a stella e a ventaglio diffusi nella tradizione lignea e scultorea locale. Gli affreschi del presbiterio sono stati eseguiti in due differenti fasi: quelli della volta sono opera di un pittore di cultura tardo gotica, presumibilmente intorno al 1470, quelle delle pareti sono riconducibili al pittore fiammingo Hans Clemer, noto anche come Maestro di Elva.

Ingresso gratuito. Posti limitati, è necessaria la prenotazione al numero 019.824663.

Il programma scelto per il doppio appuntamento a Fossano e a Elva nasce dalle classiche “Quattro Stagioni”, rivelando un percorso narrativo e descrittivo che funge da metafora dell'esistenza umana, iniziando l'esecuzione con l'Inverno, per finire con l'Autunno. Ogni stagione viene annunciata dal canto femminile, che incarna e rappresenta di volta in volta la stagione stessa, offrendo quelle arie vivaldiane più vicine, musicalmente e poeticamente, a ciò che s'intende mostrare e raccontare nel corso del concerto.

“Con il titolo Dalle Alpi al Mare – commenta Claudio Gilio, presidente e direttore artistico Orchestra Sinfonica di Savona, nonché ideatore della rassegna – l'8^ edizione del Festival si propone di confermare e consolidare la proficua sinergia tra Liguria e Piemonte, espandendo la propria rassegna al territorio cuneese con un format di ampio successo. Nel corso delle edizioni, il Voxonus Festival ha destato un interesse internazionale, pur mantenendo la sua impronta volutamente local. I suoi appuntamenti, che si sviluppano nell’arco di 6 mesi, sono veri e propri momenti esperienziali tra musica, tradizioni, degustazioni, conferenze e incontri”.

L’intento della rassegna è quello di promuovere le eccellenze artistichepaesaggistiche ed enogastronomiche italiane, tra cui la storica Villa Faraggiana ad Albissola Marina, il suggestivo Castello di Castellar, la Torre di Brondello, la Borgata Museo di Balma Boves e la chiesa parrocchiale di Elva, perla delle Alpi. Il “Voxonus Festival” si fa così ambasciatore di una filosofia che, grazie anche a partnership di spicco, permette di valorizzare una sfida culturale e turistica che affonda le sue radici nella storia della nostra terra. Il festival ha preso il via da Genova lo scorso 21 giugno, ha poi varcato il confine con il Piemonte, per tornare in Liguria ad Albissola Marina e continuare ad attraversare le due regioni in una sinfonia di musica e arte.

Per maggiori informazioni: info@orchestrasavona.it , 019.824663, www.orchestrasavona.it.

Informazione pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

SU