/ Politica

Politica | 08 agosto 2019, 13:54

Tav, Appendino: "Piena fiducia in Di Maio affinché lavori per il bene del Paese. Come amministrazione torinese continuiamo, poi ognuno farà le sue scelte" [VIDEO]

Cirio: "Continuiamo a batterci perché il Piemonte vada avanti. Da domani confronto con i valsusini"

Tav, Appendino: "Piena fiducia in Di Maio affinché lavori per il bene del Paese. Come amministrazione torinese continuiamo, poi ognuno farà le sue scelte" [VIDEO]

Sul tema alta velocità, che ieri ha quasi innescato una crisi di governo in Senato, con la bocciatura della mozione del Movimento 5 Stelle, è intervenuta anche la sindaca di Torino Chiara Appendino, presente alla conferenza di servizi organizzata dalla prefettura di Torino per la villa confiscata alla mafia di San Giusto Canavese e che ieri aveva preferito non commentare.
"La posizione dell'amministrazione torinese non cambia. Mi auguro invece che la Lega torni a pensare al contratto di governo anziché a rimpasti, rimpastini e poltrone, per il bene del Paese". 
In merito alle ripercussioni locali sulla giunta grillina, Appendino ha ribadito che "ognuno è libero di sentirsi deluso, ma non avendo la maggioranza in Parlamento non si poteva fare di più. Ricordo che i miei consiglieri sono stati eletti a Torino, non a Bussoleno, e che un sindaco non può bloccare l'opera. Credo comunque che l'amministrazione debba andare avanti, poi ciascuno farà le sue scelte".
 

 

Sull'argomento si è pronunciato anche il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. "Per aumentare la produttività servono le infrastrutture e le strade, più le aziende che le producono. Le opere di compensazione, che sono state confermate, fanno parte della Tav a tutti gli effetti". 
"Ho ereditato un accordo sottoscritto dalla precedente amministrazione con Telt. Da qui ripartiremo", ha concluso, annunciando una giunta regionale sul tema domani presso la sede Ires di Torino, in via Nizza. Seguirà un sopralluogo con gli assessori competenti presso il cantiere di Chiomonte alle 12.30. "Sarà avviato un confronto con i sindaci della Valsusa e chi vive il territorio".

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium