/ Cronaca

Cronaca | 13 settembre 2019, 18:10

Vattimo difende il suo assistente dall'accusa di violenza: "Mi pare una storia inverosimile"

Il famoso intellettuale si erge ad avvocato difensore: "Troppi elementi dubbi nel racconto della ragazza"

Vattimo difende il suo assistente dall'accusa di violenza: "Mi pare una storia inverosimile"

Gianni Vattimo lascia i panni dello studioso per vestire quelli di avvocato difensore. Del suo assistente, accusato di aver violentato una ragazza il 30 agosto scorso: "Mi pare una storia inverosimile".

Il professore ha dichiarato di avere il sospetto che il caso sia stato montato e sul fatto che lo stupro sarebbe stato consumato nella sua abitazione replica: "Quella sera se c’ero, dormivo. E poi Simone, il mio assistente, non vive proprio con me, ha un suo appartamento accanto al mio". Vattimo ammette solo di sapere che la ragazza sia effettivamente venuta a casa, ma definisce inverosimile la storia della violenza. E fa notare che l'assistente gli aveva raccontato della presenza del fidanzato della ragazza.

Il professor Vattimo si è detto convinto che tutto sarà chiarato: "Penso ci siano degli elementi singolari nela vicenda", ribadendo la fiducia nel suo assistente. Che continua ad essere al suo posto.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium