/ Eventi

Eventi | 14 settembre 2019, 07:47

Quando a discriminare era la pubblicità: ai Docks Dora i manifesti della Collezione Soleri

Allestimento a ingresso gratuito, solo oggi, dalle 15 alle 22 negli ARCA Studios

UNICA Giovanni Guerrini 1887- 1972, 1925 Litografia su carta, cm. 195x136 Arti Grafiche D. Bellazzi, Milano;

UNICA Giovanni Guerrini 1887- 1972, 1925 Litografia su carta, cm. 195x136 Arti Grafiche D. Bellazzi, Milano;

Raccontare la rappresentazione del diverso per uso commerciale agli inizi del secolo scorso. È questo il fil rouge della mostra-evento in programma solo oggi, sabato 14 settembre, all’interno degli spazi postindustriali degli ARCA Studios, nella suggestiva cornice dei Docks Dora.

K – Il nero nel manifesto. La discriminazione nella pubblicità del primo ‘900 è un’esposizione inedita di circa trenta manifesti originali d’epoca, che raccoglie parte della vastissima Collezione Soleri - straordinaria raccolta di grafica torinese, nata dalle appassionate ricerche di Elvio Soleri -, dagli anni ‘20 agli anni ‘50.

Si va dalla supremazia dell'uomo bianco, che conquista lande esotiche sottomettendo il "buon selvaggio", alla servizievole reverenza con cui un domestico africano serve una tazza fumante di cioccolata a una dama elegante e viziosa. Una mostra multimediale dove la rappresentazione dell’altro, nell’immaginario collettivo, diventa chiave di lettura per comprendere come si è trasformata la comunicazione e quali sono oggi gli stereotipi più diffusi. O, al contrario, cosa si sta cercando di fare, nel 2019, per abbattere certi facili cliché, in un momento storico in cui lo slogan e la propaganda sembrano tornati pericolosamente di moda, alla comoda portata dei più, dai politici altolocati ai commentatori da bar. 

Allo stesso tempo, la carrellata di stampe permette di ricostruire l’evoluzione estetica di alcune note aziende locali: un approccio al marketing diacronico, che tiene conto dei mutamenti sociali in un periodo compreso tra l’ascesa del fascismo in Italia e il boom economico post seconda guerra mondiale.

L’allestimento vuole essere la prosecuzione ideale del percorso iniziato con NegriPub alla Promotrice delle Belle Arti nel 1994. E fa parte del programma di “In The City”, l’anteprima del festival Torino Graphic Days, che quest’anno ha come tema portante proprio l’integrazione.

L’ingresso alla mostra è libero, con orario di apertura 15 – 22.

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium