/ Politica

Politica | 23 settembre 2019, 14:42

Collaborazione su infrastrutture ed economia al centro del primo vertice bilaterale Piemonte-Liguria (FOTO e VIDEO)

I Presidenti Cirio e Toti, assieme ad assessori regionali, si sono incontrati a Genova per fare il punto sulle possibili sinergie fra amministrazioni e territori: obiettivo è rendere il nordovest del paese sempre più appetibile per gli investimenti

Collaborazione su infrastrutture ed economia al centro del primo vertice bilaterale Piemonte-Liguria (FOTO e VIDEO)

Si è svolto a Genova il primo vertice bilaterale fra gli amministratori della Regione Piemonte e i loro omologhi liguri, per discutere di infrastrutture, logistica, turismo e tutti i principali temi di carattere economico che coinvolgono i due territori.

I governatori Toti e Cirio hanno incontrato la stampa al termine del confronto per fare il punto della situazione e chiarire gli obiettivi del percorso di collaborazione avviato: "Abbiamo affrontato quasi tutti gli argomenti che riguardano le competenze regionali - spiega il presidente ligure Giovanni Toti - Piemonte e Liguria sono due Regioni di confine che si trovano ad affrontare temi comuni. La collaborazione che nasce oggi durerà nel tempo coinvolgendo anche quella cabina di regia che avevamo avviato con la Regione Lombardia negli anni passati, e che deve tornare a influenzare le nostre politiche infrastrutturali. Si tratta di un lavoro che dal punto vista degli assessorati a andrà avanti con una cadenza mensile, e sarà sancito da almeno tre incontri bilaterali con i presidenti di Regione ogni anno. Tutto questo per portare avanti di concerto politiche che riguardano la logistica in generale, il Terzo Valico, la Gronda e i nuovi scali che si stanno aprendo sul nostro territorio come quello di Vado. Poi le collaborazioni si estenderanno anche sul turismo, sull'agricoltura con un Piano di Sviluppo Rurale da negozia con l'Europa insieme, la questione dei rifiuti e il tema dei presidi sanitari per i nostri centri abitati dell'entroterra".

"Qui c'è la vera autonomia differenziata, mentre a Roma si parla qua iniziamo a realizzarla - aggiunge il presidente piemontese Cirio - Lo stiamo facendo con un lavoro di gruppo fra due Regioni che hanno interessi e tradizioni in comune: concretizzeremo questo nostro impegno in maniera pratica, innanzitutto dal tema infrastrutture. Noi abbiamo un'opportunità straordinaria con gli importanti investimenti che la Liguria ha realizzato sul porto di Savona, che dovrebbero iniziare a dare riscontri entro la fine dell'anno. Già oggi la provincia di Alessandria costituisce i retroporto di Genova, ma un domani ci potrà essere il retroporto di Savona, che per noi significa interessare l'area del monregalese".

"Un simile prospettiva ci può permettere essere attrattivi per le aziende di domani, che possono vedere nel nordovest una grande opportunità di sviluppo e investimento; se noi uniamo idealmente due opere come la Tav e il Terzo Valico, e abbiamo presente che tutte le merci di Europa passeranno dai nostri territori con uno sbocco come gli scali portuali di genova e Savona, allora capiamo che possiamo diventare davvero appetibili a livello internazionale. Dobbiamo anche però tenere presente che non possiamo sempre aspettarci che sia lo Stato a metterci in condizione di fare le cose, ma dobbiamo farlo da soli, in virtù dell'autonomia che le Regioni hanno riconosciuta dalla Costituzione. Oggi prende il via una nuova stagione, in cui gli assessori di Piemonte e Liguria lavoreranno assieme come s e si trattasse di una sola Regione".

A margine dei temi oggetto del confronto bilaterale c'è stato spazio anche per qualche domanda di carattere politico, in particolare sulle frizioni all'interno del centrodestra, dove i toni di contrapposizione fra Fratelli d'Italia e Forza Italia si sono intensificate negli ultimi giorni. "Io governo in una Regione dove c'è armonia fra le varie componenti del centrodestra - ha dichiarato ai cronisti Cirio -. La casa di forza italia è il centrodestra senza se e senza ma".

"Oggi ci occupiamo di governare senza ambiguità i nostri territori, e io credo che il centrodestra abbia dimostrato 'per tabulas' le sue capacità di amministrazione - aggiunge il governatore Toti - La capacità di buon governo e di buone pratiche amministrative è proprio quello che costituisce l'alterativa al governo della tasse su bibite gassate e aerei: questo ora deve essere il nostro obiettivo, costruire un fronte di centrodestra per il governo. Più questo schieramento sarà largo e capace di rappresentare idee diverse e meglio sarà".

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium