/ Eventi

Eventi | 10 ottobre 2019, 18:18

Anche l'Uici partecipa a Vendemmia a Torino

Sabato 12 ottobre sarà presentato il “Manuale dell’Assaggiatore” in versione audiolibro, letto ad alta voce e registrato su un supporto digitale

Anche l'Uici partecipa a Vendemmia a Torino

Sabato 12 ottobre (ore 15) l’UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) di Torino partecipa a una preziosa iniziativa organizzata dall’Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino), nell’ambito della manifestazione “Vendemmia a Torino”.

Durante l’appuntamento, che si svolgerà a Palazzo Birago, sede della Camera di Commercio (via Carlo Alberto 16) sarà donato all’associazione il “Manuale dell’Assaggiatore” in versione audiolibro (cioè letto ad alta voce e registrato su un supporto digitale). Seguirà una “degustazione al buio” di alcuni vini piemontesi, guidata da Giuseppe Zeppa (Università di Torino) e da Piera Genta (giornalista).

Assaporare un vino, apprezzandone tutte le qualità olfattive e gustative, è un’esperienza pienamente accessibile a chi non vede. Anzi, come dimostrato in tante occasioni, spesso le persone con disabilità visiva sviluppano un particolare allenamento dei sensi alternativi alla vista, compresi l’olfatto e il gusto, il che li rende molto attenti alle mille sfumature di una degustazione. L’incontro di sabato 12 ottobre potrebbe preludere all’organizzazione, anche a Torino, di corsi per assaggiatori espressamente rivolti a persone cieche e ipovedenti, come già sperimentato con successo in altre città italiane.

“Desideriamo ringraziare l’Onav per l’attenzione e la sensibilità – commenta il presidente UICI Torino, Giovanni Laiolo – Apprezziamo, con particolare gratitudine, il dono del Manuale dell’Assaggiatore in formato audiolibro. Sappiamo che la realizzazione di questo testo ha richiesto un notevole lavoro, sia di lettura, sia di adattamento dei contenuti visivi come grafici e tabelle”.

“Come noto, la nostra regione è terra di grandi vini – prosegue Laiolo – Come disabili visivi torinesi siamo molto contenti di avere un’occasione per avvicinarci, con un approccio rigoroso ma nello stesso tempo molto coinvolgente, alla cultura del vino e alla sua storia millenaria”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium