/ Eventi

Eventi | 10 ottobre 2019, 16:56

La voce dall'afasia al presidio sanitario San Camillo

Domani, venerdì 11 ottobre, si presenta il nuovo coro in strada comunale Santa Margherita 136

La voce dall'afasia al presidio sanitario San Camillo

A fine maggio, nel 2018, il concerto dei pazienti seguiti da A.L.I.Ce. Cuneo onlus, che si era tenuto nel gazebo del San Camillo, era stato un successo.

Adesso il passaggio successivo, ovvero il progetto di creare in pianta stabile un coro formato da persone afasiche. L'iniziativa si chiama "La voce dell'afasia" e verrà presentata domani, venerdì 11 ottobre (alle 16.30) presso il Presidio Sanitario in strada comunale Santa Margherita 136. È stata ideata dall'associazione “Musica e cura”, il cui fondatore Maurizio Scarpa è il responsabile del servizio di Musicoterapia al San Camillo.

Musicista e musicoterapeuta, nel corso degli anni Scarpa ha potuto verificare
concretamente i benefici che le sette note portano nel mondo di chi è stato colpito dall'afasia come esito di un ictus. Ha introdotto la musica nel San Camillo con la rassegna concertistica “Musica in ospedale” e lavora con i pazienti della struttura che hanno difficoltà nell'espressione vocale. Un'attività che ha spinto il San Camillo a farsi parte integrante del progetto di nascita di un coro stabile
formato da queste persone, con l'obiettivo di garantire loro la possibilità di riprendere, o cominciare, un percorso di riabilitazione che vada a inserirsi in un adeguato contesto sociale, culturale e umano.

L'idea è far sì che queste persone non entrino in una fase di isolamento, ma siano completamente all'interno del tessuto sociale. E il canto, come forma di espressione, concede tale opportunità. Nel corso dell'evento in programma al San Camillo saranno rese note le modalità con cui verrà formato il coro, che avrà come obiettivo la riabilitazione attraverso la musicoterapia e l'attività corale. Un'attività che avrà anche un aspetto pubblico, con esibizioni concertistiche.

Il gruppo comprenderà tra 25 e 30 persone, il progetto coinvolgerà a livello cittadino strutture e specialisti che trattano tale problematica. Perché l'afasia abbia finalmente espressione attraverso tante voci che diventano una sola: quella di un coro.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium