/ Attualità

Attualità | 16 ottobre 2019, 19:07

Biraghi conquista Torino: il tempio del formaggio apre in piazza San Carlo [FOTO e VIDEO]

Non solo formaggio, ma un’incredibile varietà di prodotti locali per una nuova meta gourmet in centro: inaugurazione ufficiale dell’ex Paissa il 26 ottobre

Biraghi conquista Torino: il tempio del formaggio apre in piazza San Carlo [FOTO e VIDEO]

Il profumo del formaggio conquista il salotto di Torino. Manca sempre meno all’apertura ufficiale di Biraghi sotto i portici di piazza San Carlo: Il 26 ottobre verrà inaugurato il negozio nel capoluogo sabaudo, nel luogo che per anni ha ospitato una realtà torinese storica come fratelli Paissa

Dopo un lungo lavoro di ristrutturazione Biraghi, a Torino, decide di puntare tutto sulla qualità e sull’eccellenza dei prodotti locali, in un negozio che solo punto vendita non è. Parliamo infatti di un gioiellino, che subentra in uno dei luoghi simbolo di Torino, in una piazza importantissima, con entusiasmo ed eleganza: l’esterno è composto da 11 vetrine e due porte d’ingresso costruite nel 1877, ristrutturate secondo le direttive della Soprintendenza delle Belle Arti. L’interno, con 200 mq di area vendita, presenta arredi di epoche storiche, volti a mantenere l’atmosfera della precedente struttura e rispettando il contesto della piazza. Da qui la scelta di utilizzare legno di pioppo antico, noce nazionale e pioppo massello. Spicca il bancone dell’antica farmacia Gambarova, risalente al 1740.

Il protagonista è ovviamente il formaggio, in tutte le sue varietà proposte da una famiglia, Biraghi, che da ottant’anni e quattro generazioni supporta l’economia locale, valorizzando la filiera lattiero-casearia. Nel negozio, l’azienda cuneese propone tutti i prodotti possibili: dal pregiato Gorgonzola Dop al burro da panna fresca di centrifuga passando per decine e decine di prodotti dell’eccellenza piemontese non per forza riconducibili al formaggio, come le nocciole, i vini, i grissini, i biscotti e la pasta fresca. Tutto, o quasi, made in Piemonte.

Particolare menzione poi meritano i prodotti sardi, grazie al forte legame tra Biraghi e Coldiretti Sardegna, dovuto alla collaborazione attivata nel 2017 con il progetto “pecorino etico solidale”. “I marchi selezionati non rappresentano semplici fornitori, ma appassionati collaboratori che sposano la filosofia che anima il progetto” spiega Claudio Testa, direttore Marketing e Strategie commerciali di Biraghi S.p.A. “Abbiamo sentito la necessità di parlare del territorio e delle persone che con il loro lavoro contribuiscono a renderlo unico. Siamo partiti dal cuneese sino a coprire tutto il Piemonte” conclude entusiasta Testa.

 

Tra pochi giorni il nuovo tempio del formaggio targato Biraghi aprirà le porte del proprio negozio ai torinesi e ai turisti: l’obiettivo è quello di diventare una nuova meta gourmet nel salotto di Torino.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium