Sanità - 16 ottobre 2019, 07:49

Sanità a Rivoli, i sindacati tornano sul piede di guerra: "Fermate lo smantellamento dei servizi"

Nel mirino lo spostamento dei servizi dal poliambulatorio di via Piave all'ospedale. Flesia (Cgil): "Non è così che si favorisce l'integrazione tra il nosocomio e il territorio"

Sanità a Rivoli, i sindacati tornano sul piede di guerra: "Fermate lo smantellamento dei servizi"

A Rivoli torna la polemica nel mondo della Sanità e i sindacati chiedono chiarezza sulle prospettive e sui progetti futuri legati al territorio della Asl To3. Lo fanno con un documento, in cui ripercorrono gli ultimi avvenimenti e annunci.

"Nei giorni scorsi la Direzione Generale dell’ASL TO3 ha informato le Organizzazioni Sindacali che ha intenzione di trasferire degli specialisti ambulatoriali di Via Piave presso l’Ospedale di Rivoli - dice Nino Flesia, della Cgil -. Inoltre, anche il Consultorio Familiare ed il Consultorio Pediatrico saranno trasferiti “temporaneamente” a Collegno o Grugliasco, con buona pace delle famiglie rivolesi". "Questo - prosegue - viene dopo l’abbandono di Cascine Vica, dove non esistono servizi sanitari pubblici ad eccezione del Servizio per le Dipendenze che è collocato al “Bonadies”.  Il centro prelievi è stato ceduto nel 2016 alla Struttura Privata “Bosco della Stella” con un ingente costo a carico dell’ASL (60.000 euro all'anno, quando gestendolo direttamente costerebbe un terzo)".

E attaccano: "Ancora una volta il pretesto dell’ulteriore smantellamento dei servizi territoriali nel Comune di Rivoli è che il Poliambulatorio di Via Piave abbia bisogno di lavori di manutenzione, peraltro ancora non quantificati nella spesa. Non si capisce se sia agibile, o se le problematiche siano proprio così insanabili. Ciò nonostante in fretta e furia la Direzione Generale ha deciso di iniziare a spostare dei servizi".

Nell’incontro sindacale che si è tenuto a Collegno nei giorni scorsi, prosegue Flesia, "la Direzione non ha fornito alle Organizzazioni Sindacali le necessarie informazioni per capire come sarà l’organizzazione dei servizi che saranno spostati in ospedale, in un contesto in cui mancano i parcheggi, mancano gli spazi fisici per accogliere gli specialisti, e dove già oggi gli spazi sono fortemente carenti. 

La ristrutturazione del quarto piano ala Sud è in “alto mare”, e non si hanno notizie su quando saranno finiti i lavori. Non è spostando i servizi territoriali in ospedale che si realizza l’integrazione ospedale-territorio, semmai bisogna rinforzare i servizi territoriali (vicini anche fisicamente ai cittadini), destinando investimenti e personale, creando forti collaborazioni tra ospedale e territorio. 

In caso contrario è inutile lamentarsi quando i cittadini invadono i Pronto Soccorso".

La richiesta al dg della Asl To 3 Flavio Boraso è dunque quella di "riavviare il confronto sindacale, fermando lo smantellamento dei servizi territoriali di Rivoli; all’Amministrazione Comunale chiediamo di farsi parte attiva sul tema della salute e dei servizi sanitari territoriali per trovare utili soluzioni. Tutti i maggiori Comuni dell’ASL TO3 hanno poliambulatori territoriali (o Case della Salute) nuovi o in corso di ristrutturazione: Collegno, Grugliasco, Orbassano, Venaria, Avigliana, Pinerolo, Torre Pellice, Pomaretto, Pianezza e così via. I cittadini rivolesi si meritano qualcosa di più".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

SU