/ Settimo

Settimo | 22 ottobre 2019, 14:22

A San Raffaele il nuovo centro di distribuzione delle Poste dei piccoli comuni (FOTO)

La presentazione ufficiale è avvenuta questa mattina, martedì 22 ottobre

I rappresentati di Poste Italiane con i sindaci del territorio. Sotto, Fabio Cicuti con il sindaco di San Raffaele

I rappresentati di Poste Italiane con i sindaci del territorio. Sotto, Fabio Cicuti con il sindaco di San Raffaele

Un nuovo centro di distribuzione vicino ai piccoli comuni, tecnologicamente avanzato e attento all'ambiente. E' quello inaugurato qualche ora fa, martedì 22 ottobre, a San Raffaele Cimena, piccolo paesello a pochi chilometri da Chivasso. Un capannone totalmente rinnovato, sulla strada provinciale della Val Cerrina, che smista lettere, raccomandate, giornali e tutto quanto può arrivare via posta, compresi i pacchi acquistati con l'e-commerce, di ben 20 Comuni del territorio (San Raffaele, Brandizzo, Brozolo, Brusasco, Casalborgone, Castagneto Po, Castiglione Torinese, Cavagnolo, Cinzano, Gassino Torinese, Lauriano, Monteu da Po, Rivalba, Rondissone, San Mauro Torinese, San Sebastiano da Po, Sciolze, Torrazza Piemonte, Verolengo, Verrua Savoia). 

Presenti all'inaugurazione, Fabio Cicuto, responsabile di Poste, Comunicazione e Logistica per la macro area di Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, Gabriele Merlo, ingegnere del progetto, Cristina Giovannelli, responsabile degli Uffici postali, Alessandra Bellini, responsabile del centro di San Raffaele, Simone Maggio, responsabile della gestione operativa della macro area ed alcuni dei sindaci interessati. 

"Poste ha deciso di fare un investimento davvero importante - ha esordito Fabio Cicuto -. Qui abbiamo concentrato i dipendenti di altri 4 centri di distribuzione, che gestiranno la corrispondenza di oltre 20 Comuni". L'obiettivo, migliorare il servizio postale. "Ci siamo resi conto del calo fisiologico che c'è stato negli ultimi 10 anni e abbiamo deciso applicare un nuovo modello, innovativo". Con il Joint Delivery, questo il nome del nuovo sistema, tutti i portalettere sono dotati di palmare e con i loro terminali potranno gestire la corrispondenza ordinaria e a firma in maniera veloce e tracciata, portando a domicilio una serie di servizi postali e di pagamento sia per i privati che per i professionisti. Infatti, il destinatario della corrispondenza potrà pagare da casa o dal posto di lavoro, nello stesso momento in cui avviene la consegna della posta o del pacco, tramite carta Postamat, Postepay o utilizzando le carte di debito del circuito Cirrus/Maestro. 

Inoltre, la nuova organizzazione è articolata su due reti di recapito distinte ma integrate tra loro: la prima, denominata “linea di Base”, assicura quotidianamente, sulla propria area di competenza, la consegna di tutti i prodotti postali; la seconda, chiamata “Linea Business”, è dedicata alla consegna dei pacchi, dei prodotti e-commerce e degli invii a firma (raccomandate, assicurate ecc.) in fasce orarie estese fino alle 19,45 e durante il sabato. "Se vedrete il postino suonarvi il citofono alle sette di sera non preoccupatevi, è tutto normale", scherza Cicuto.

Il nuovo centro di distribuzione si avvicina ai Comuni, al territorio, alle persone. "Ogni portalettere avrà una propria auto, che oltre a garantire una maggior sicurezza, inquina meno rispetto ai motorini - aggiunge Cicuto -. Per diminuire le emissioni, ci stiamo anche dotando di tricicli elettrici".

E' intervenuto anche il sindaco di San Raffaele, Ettore Mantelli. "Abbiamo avuto questa fortuna - commenta -. Oltre che ad un miglioramento del servizio postale, spero che in questo modo possiamo sopperire a tutt quello che gli altri enti ci stanno tagliando".
Durante la mattinata, Poste ha anche annunciato l'apertura di un nuovo ufficio a Torrazza Piemonte.

a.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium