/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 05 novembre 2019, 20:30

Entro il 2021 -5% di incidenti sulle strade di Torino, per fine novembre multe in arrivo per chi brucia il rosso

Vista-Red a parte, si punterà su sviluppo delle "zone 30" e delle "ztl" , su pedonalizzazione di aree ad alta densità urbana, sul potenziamento delle "corsie riservate" al TPL e sulla mobilità ciclabile

Entro il 2021 -5% di incidenti sulle strade di Torino, per fine novembre multe in arrivo per chi brucia il rosso

Entro fine novembre a Torino dovrebbero essere attivati i tre primi Vista-Red. Il condizionale è d'obbligo perchè non c'è ancora certezza sulla data di accensione dei semafori che multano chi brucia il rosso.

Oltre ai collaudi, che sono in corso in queste settimane, deve essere approvata anche una delibera per la messa in funzione. L'atto dovrebbe passare in giunta, ed ottenere quindi il via libera, martedì prossimo.

Intanto questa mattina l'esecutivo guidato da Chiara Appendino ha approvato il piano della sicurezza stradale, con l'obiettivo di ridurre del 5% il numero dei sinistri sulle strade della città entro il 2021. Un trend che risulta già in diminuzione, come emerge dal confronto dei dati: nel 2017 si sono infatti verificati 5.152 scontri con 4473 feriti e 36 persone decedute, scesi a 4.899 nel 2018 con 4258 feriti e 31 vittime. Numeri negativi, come ha chiarito l’assessore ai Trasporti Maria Lapietra, che “l’amministrazione intende azzerare”.

Tra le strategie che verranno messe concretamente in campo lo sviluppo delle “zone 30”, la pedonalizzazione di aree ad alta densità urbana, lo sviluppo delle “zone a traffico limitato”, il potenziamento delle “corsie riservate” al TPL e lo sviluppo della mobilità ciclabile.

Saranno inoltre adottate campagne di comunicazione e l’aumento di controlli e sanzioni, tramite anche nuove strumentazioni come i Vista-Red. I primi tre impianti su corso Regina Margherita all'angolo con corso Potenza, su corso Peschiera all'angolo con corso Trapani e su corso Novara all'angolo con corso Vercelli dovrebbero essere attivati per fine novembre.

Entro fine 2019 la Città prevede poi di accendere le telecamere intelligenti di altri quattro incroci: corso Lecce all'angolo con corso Appio Claudio, via Pianezza all'angolo con corso Potenza, corso Agnelli all'angolo con corso Tazzoli e corso Giambone all'angolo con corso Corsica.

A seguire verranno attivati gli ultimi sette occhi elettronici, per un totale di 14 incroci sorvegliati. Gli impianti saranno collocati su corso Turati all'angolo con corso Bramante, corso Siracusa su corso Tirreno, piazza Pitagora con corso Orbassano, corso Unione Sovietica su piazzale San Gabriele davanti alla piscina Monumentale, corso Turati all'angolo con corso Rosselli, corso Vittorio all'angolo con corso Castelfidardo e corso Vittorio all'angolo con corso Vinzaglio.

I Vista-red scatteranno delle immagini in sequenza e potranno punire due diverse infrazioni. La prima se la vettura, a semaforo rosso, si ferma dopo la linea di arresto. La seconda se si brucia il rosso. Le sanzioni partiranno da 40 euro, per arrivare a 200 euro con sospensione se in due anni si viene "pizzicati" due volte.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium