/ Cronaca

Cronaca | 06 novembre 2019, 16:39

“Ciao Cianin”: Vigone piange la scomparsa di Luciano Ferrero

Era il titolare della Vigauto e bandiera della frazione Zucchea al Torneo dei Borghi

“Ciao Cianin”: Vigone piange la scomparsa di Luciano Ferrero

“Ciao Cianin”, così l’hanno salutato in molti. Luciano Ferrero, 55 anni, è mancato oggi all’ospedale San Luigi di Orbassano dove era ricoverato per una malattia. Persona molto conosciuta e apprezzata a Vigone, era titolare della Vigauto ed era stato la bandiera della frazione Zucchea al Torneo dei Borghi di calcio, che si svolgeva d’estate nel prato di piazza Clemente Corte.

In molti, scossi dalla notizia, gli hanno rivolto un pensiero. L’associazione commercianti di Vigone lo ricorda così: «Il tuo sorriso e la tua voglia di vivere ci hanno accompagnati fino ad oggi e tutti noi ti porteremo nel cuore per sempre, ciao caro amico!». Mentre uno dei suoi “rivali” al Torneo dei Borghi, Alessandro Tagliaferro pensa alle “Grandi partite contro il nostro Santa Caterina, uomo splendido sempre col sorriso e la battuta pronta da noi al bar”.

Parole toccanti da un suo compagno di squadra Ivan Audero: «Tutta la nostra generazione è cresciuta col tuo mito. Così duro in campo, così disponibile fuori. Per noi era normale vederti lottare come un leone contro tutto e tutti, eri l’idolo indiscusso, un leader sotto ogni punto di vista». Una grinta che si vedeva in campo e che mostrava un’idea di calcio, dove “contava il risultato”: «Quante schiette e sincere discussioni, io così innamorato di un’idea di calcio fondata prima di tutto sul divertimento, e tu che chiudevi inevitabilmente il discorso con “è vero che bisogna giocare per divertirsi, ma io se non vinco non mi diverto”».

Audero ricorda anche il piacere e la speranza di incontrarlo sulla strada verso casa, per le battute che gli faceva e il buonumore che sapeva regalare: «L’altra sera un amico ha trovato le parole giuste, ha detto che la nostra generazione ti ha sempre visto come “invincibile”. Ma si sa, nella vita si vince e si perde. Lo si fa tutti insieme, come una squadra. Insieme abbiamo vinto tanto. Oggi non ce l’abbiamo fatta. Oggi abbiamo perso. Oggi abbiamo perso una di quelle persone che non si vorrebbe mai perdere».

Il rosario si terrà domani, alle 20,30, nella parrocchia Santa Maria del Borgo, mentre il funerale sarà venerdì alle 15,30. Per volere della famiglia eventuali offerte saranno donate alle associazioni vigonesi.

Marco Bertello

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium