/ Eventi

Eventi | 08 novembre 2019, 09:57

Rivoli, un sabato per ricordare i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino

Appuntamento alle 15 presso il centro storico con iniziative e un flash mob

Rivoli, un sabato per ricordare i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino

Nella necessità di commemorare i 30 anni dalla caduta del muro di Berlino, a Rivoli è nato un Comitato cittadino spontaneo il cui scopo è quello di ricordare un evento che ha segnato un’epoca e di cogliere l’occasione per riflettere sul futuro che ci aspetta. Più di 30 realtà cittadine hanno già aderito alla manifestazione e il Comitato 9 novembre auspica la partecipazione di chiunque - privati cittadini o associazioni - senta di condividere i medesimi valori.

Si comincia sabato 9. La manifestazione sarà itinerante, con partenza alle 15 presso il centro storico di Rivoli dove, nel piazzale antistante la chiesa S. Maria della Stella, sono state organizzate attività interattive, dibattiti, proiezioni video e flash mob sino alle 17.

Il programma continuerà presso il cinema “Borgo Nuovo”, in via Roma 149, dove alle ore 17:30 ci sarà la presentazione del lavoro fotografico “Materiali resistenti VII Edizione 2019 Muri Urlanti” - La fotografia tra memoria e testimonianza, a cura dell’associazione artistico culturale Arte Totale e Terzo Occhio.

Ultimo incontro della giornata alle ore 18:00 presso il Cinema “Borgo Nuovo” con la proiezione del film “Goodbye Lenin” (costo del biglietto 5 €). 

Si continuerà il 15 novembre dalle ore 20.30 alle ore 23.30 con una serata al teatro di San Martino dedicata alla testimonianza di Francesco Piobicchi.

Il programma ha raccolto le adesioni di molte associazioni locali, tutte convinte della necessità di non saltare questo appuntamento con la storia ma, anzi, di ricordare il grido della parola “libertà” scandita dai colpi di picconate contro quel muro che divideva l’Europa ed il Mondo in due blocchi, di spiegarne il valore ai giovani che non l’hanno vissuto e di riflettere sui muri di oggi.

Il Comitato 9 novembre ne ha contati 77, molti recenti, alcuni in fase di costruzione ma tutti minacciano i nostri diritti, i beni comuni, la nostra voglia di libertà e di giustizia.

"Alcuni sono muri tangibili, altri sono invisibili ma non per questo meno devastanti - spiegano gli organizzatori -. Sono i muri dell’indifferenza, delle diseguaglianze, dell’intolleranza e dell’odio. E poi, ci sono i muri mediatici che alimentano la paura e la diffidenza. I muri non proteggono, ma oscurano e dividono. Contro tutti questi muri che ci stanno togliendo la libertà, distruggendo la nostra umanità, la pace e il sogno di una vita e di un mondo migliori, noi vogliamo insorgere".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium