/ Cronaca

Cronaca | 14 novembre 2019, 07:30

A Torino il pugno duro contro la malasosta, è boom di multe: sanzioni in aumento del 27% nel 2019

Se le violazioni generiche sono le stesse del 2018, aumentano di 39.043 le multe per malasosta elevate dai vigili urbani tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2019

A Torino il pugno duro contro la malasosta, è boom di multe: sanzioni in aumento del 27% nel 2019

Il pugno duro di Emiliano Bezzon si abbatte sugli automobilisti indisciplinati torinesi. Si registra infatti un boom di multe per malasosta nel 2019: quest’anno infatti, nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2019, le contravvenzioni per malasosta sono aumentate del 27%, dalle 144.680 elevate lo scorso anno alle 183.723 di questo stesso periodo. 

I dati, presentati durante il 228esimo anniversario dalla costituzione del corpo della polizia municipale, evidenziano un malcostume sempre più evidente degli automobilisti torinesi. 

Le 183.723 multe sono un numero che certifica una volta per tutte due cose: le cattive abitudini al volante dei torinesi e la volontà ferma dei civich e perché no dell’amministrazione di adottare la linea dura. Multe, senza pietà. Tra chi decide di lasciare la vettura in doppia fila, chi sul passo carraio o nello stallo riservato ai disabili, sono sempre di più le persone multate per aver lasciato la propria auto in divieto di sosta. Le violazioni accertate dagli ausiliari Gtt invece sono 107.757.

Capitolo violazioni totali accertate: quest’anno sono 455.000, in linea con le 452.000 riscontate nello stesso periodo del 2018. Tolte le 183.723 irregolarità legate alla sosta, le norme di comportamento violate nei primi nove mesi dell’anno sono 271.932. La maggior parte di queste è relativa ai velox fissi e ai varchi Ztl, con 150.091 automobilisti multati. Seguono poi le contravvenzioni per eccesso di velocità, 73.057 le multe diramate. I semafori bruciati sono invece 2.227, i sensi unici e le svolte non rispettate 13.535.

Per quanto riguarda la sicurezza, una delle contravvenzioni riscontrate con maggior frequenza è la guida senza cinture: sono 2.928 gli automobilisti “pizzicati” senza. Leggermente inferiori i conducenti sorpresi al cellulare, 2.256 i fermati e multati per uno dei comportamenti certamene più pericolosi in assoluto. Chiude la classifica delle violazioni accertate dalla polizia municipale il dato relativo ai 1.029 multati per l’efficienza dei veicoli.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium