/ Attualità

Attualità | 22 novembre 2019, 19:35

Domani presidio degli educatori: "Rette più basse nei nidi comunali di Torino"

Appuntamento alle 10 davanti all'ospedale Sant'Anna

Domani presidio degli educatori: "Rette più basse nei nidi comunali di Torino"

Domani presidio delle educatrici dei nidi comunali di Torino, per chiedere una “radicale riduzione delle rette”. L’appuntamento è fissato per sabato alle 10 davanti all’ospedale Sant’Anna, in corso Spezia 60.

Nelle scorse settimane è emerso che il 63% dei bambini torinesi, da zero a tre anni, non frequenta la scuola. La restante quota si divide tra strutture comunali (14,8%), in appalto (6,1%) e privati.

Un disaffezione determinata, secondo la Cub, dal fatto che il “Comune di Torino garantisce direttamente l'accesso ai nidi a prezzi pari e, a volte superiori, di quelli privati”. 

“Nei fatti – continuano – il costo delle strutture ricade sulle famiglie, in base ad un sistema che colloca una normale coppia di lavoratori nella fascia di reddito che deve pagare molto spesso oltre 400 euro al mese”. “Non c'è quindi da stupirsi – prosegue la Cub - che quasi il 63% delle famiglie non ricorra a questo servizio e debba affidarsi a familiari e amici disponibili”.

Da qui la decisione del presidio per chiedere “forti investimenti nella scuola comunale e una radicale riduzione dei costi imposti alle famiglie. Moltissime lavoratrici e lavoratori hanno già firmato una petizione che chiede al Comune di impegnarsi in questa direzione”.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium