/ Cronaca

Cronaca | 02 dicembre 2019, 12:57

Revocati i domiciliari per il manager coinvolto nell'operazione Nemesi della Guardia di Finanza di Cuneo

Il Gip di Torino ha disposto la revoca al termine dell'interrogatorio di garanzia durato 4 ore

Revocati i domiciliari per il manager coinvolto nell'operazione Nemesi della Guardia di Finanza di Cuneo

Revocate le misure cautelari (domiciliari) disposte nei confronti del professionista fossanese Paolo Cordero, coinvolto nell’operazione della Guardia di Finanza di Cuneo “Nemesi”.

L'operazione ha smantellato un’associazione a delinquere dedita alla commissione di complesse frodi fiscali attraverso l’emissione di fatture false e l’utilizzo di crediti tributari inesistenti. Insieme a Cordero sono state indagate altre 21 persone.

9 in totale quelle colpite da misure cautelari, tra cui, appunto, Cordero.

Come riportato dall'Ansa, Cordero era stato raggiunto dal provvedimento all'aeroporto di Malpensa domenica della scorsa settimana, una volta arrivato in Italia dall'America. L'ingegnere, assistito dall'avvocato Nicola Menardo e dal managing partner Michele Briamonte dello studio Grande Stevens, durante l'interrogatorio di garanzia durato quattro ore, ha risposto alle domande del giudice, che ha quindi disposto la revoca della misura cautelare.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium