/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2019, 11:00

Dodici anni dalla strage della ThyssenKrupp: "Vogliamo giustizia" [VIDEO]

Antonio Schiavone, Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo e Bruno Santino sono stati ricordati questa mattina al Cimitero Monumentale

Dodici anni dalla strage della ThyssenKrupp: "Vogliamo giustizia" [VIDEO]

A dodici anni di distanza Torino si è stretta, ancora una volta, intorno ai familiari delle vittime della strage delle acciaierie ThyssenKrupp in cui morirono sul lavoro sette operai. Antonio Schiavone, Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo e Bruno Santino sono stati ricordati questa mattina con una cerimonia al Cimitero Monumentale

La Città di Torino non ha fatto mancare la sua vicinanza con la presenza della sindaca Chiara Appendino, dell'assessore ai diritti Marco Giusta, del presidente del Consiglio Comunale Francesco Sicari e del vice-presidente vicario Enzo Lavolta: "Questo - ha dichiarato la prima cittadina - è un momento di dolore per tutta la comunità. I sentimenti che si provano sono due: la rabbia, che forse potrà diminuire solo con la giustizia, e la speranza che questa strage non venga dimenticata e che tutta la società possa imparare con assunzione di responsabilità". A breve dovrebbero partire i lavori per la costruzione di un memoriale per le vittime.

Non si placa nemmeno la rabbia dei familiari: madri, padri, sorelle, fratelli, figlie e figli decisi a proseguire la propria battaglia alla ricerca di giustizia: "Nulla è cambiato - hanno affermato - perché i tedeschi sono ancora fuori dal carcere e gli italiani sono usciti dopo nemmeno due anni, per questo abbiamo scelto di fare ricorso alla Corte Europea. Finalmente, dopo una lunga attesa e molte promesse, avremo anche un ricordo adeguato ma lo stabilimento di Corso Regina resta un cimitero di foglie e luogo di degrado".

Presenti alla cerimonia anche l'assessore regionale Andrea Tronzano, il prefetto Claudio Palomba e alcuni consiglieri comunali.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium