/ Attualità

Attualità | 15 dicembre 2019, 07:28

Nichelino, partita la raccolta fondi per Mirko, padre malato di una bimba di pochi mesi

Il 3 maggio il figlio di una dipendente comunale ha avuto un grave incidente, diventando paraplegico. Anche l'Amministrazione scende in campo per aiutarlo

Nichelino, partita la raccolta fondi per Mirko, padre malato di una bimba di pochi mesi

A volte la vita riserva un destino tragico. La famiglia di Rosa Aloe, dipendente comunale di Nichelino, è stata colpita da un evento drammatico che in un lungo post su Facebook mamma Rosa racconta in modo dolente e accorato.

Le cure e l'acquisto di macchinari per il figlio, divenuto nel frattempo padre, sono costose. Rosa ha perciò aperto una raccolta fondi che l'Amministrazione ha deciso di condividere, con l'augurio che la scienza e la medicina possano, grazie alla ricerca, trovare un rimedio per questo giovane di 34 anni.

''Mi chiamo Rosa e sono la mamma di Mirko, un ragazzo di 34 anni, papà di una bambina di due mesi, che aveva tanti sogni nella vita'', ha scritto su Facebook. ''Purtroppo un evento drammatico ha travolto la nostra famiglia e tutti i sogni si sono infranti in un secondo. Il 3 maggio Mirko ha avuto un grave incidente riportando una lesione midollare, diventando così paraplegico.

''Purtroppo i dolori neuropatici lo divorano e lui piano piano si sta spegnendo.
Le cure per la riabilitazione e le esigenze di un paraplegico sono molto costose e la nostra famiglia non è in grado di sostenerle! In primis le cure, l'adeguamento della sua casa alle barriere architettoniche, l'acquisto di un esoscheletro, l'acquisto di un'auto per disabili''.

Quindi la madre lancia un grido d'aiuto: ''Mi appello alla vostra sensibilità chiedendo un aiuto economico per Mirko, per dargli la possibilità di curarsi e di sperare, perchè 'ogni goccia costituisce l’oceano'. Ringrazio anticipatamente e spero che un giorno Mirko potrà tornare alla normalità, LA VITA GLIELO DEVE!''.

Aiutiamo MIRKO... per farlo rinascere e sorridere ha raccolto finora 6200 euro, ma ne servono 150.000. La battaglia è appena iniziata, sarà lunga e difficile, ma si può vincere.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium