/ Eventi

Eventi | 15 gennaio 2020, 09:36

Al Circolo dei Lettori un cammino alla scoperta dell'arte della convivenza

Appuntamento giovedì alle 18, in dialogo con l’antropologo Francesco Remotti

Al Circolo dei Lettori un cammino alla scoperta dell'arte della convivenza

Un cammino alla scoperta dell'arte della convivenza. Con gli altri, ma soprattutto con se stessi. Con esempi dalla letteratura e dal cinema, dalle storie cliniche e dalla vita di tutti i giorni, in Io, tu, noi (UTET) lo psichiatra Vittorio Lingiardi ci guida nelle stanze di un'anima a tre piani, mostrandoci la difficoltà e la bellezza di addentrarsi in ciò che è complesso e molteplice, di conciliare i nostri conflitti, di imparare ad amare nel ritmo delle rotture e delle riparazioni. Al Circolo dei lettori, giovedì 16 gennaio ore 18, in dialogo con l’antropologo Francesco Remotti.

Ogni giorno ci imbattiamo in noi stessi. Non ci piacciamo, ci disapproviamo. Vogliamo cose diverse, incompatibili: l’avventura e la sicurezza, la solitudine e la compagnia, la fermezza e il patteggiamento, la parola e il silenzio. Non siamo un Sé unico, centrale e coeso, ma una pluralità di sé: il nostro funzionamento psichico è il risultato della loro convivenza, morbida o accesa, ma sempre legata all’altro. Ma cosa significa convivere? Questo libro ci invita a immaginare la convivenza come l’incontro di tre livelli dell’esperienza psichica: io-tu-noi. Il mondo delle convivenze è circolare e concentrico: se non vivo con me stesso, dialogando con i molti che mi abitano, non saprò vivere con l’altro e con gli altri. E questo si ripercuoterà sulla mia vita interiore.

Vittorio Lingiardi, psichiatra e psicoanalista, è professore di Psicologia dinamica presso La Sapienza. Collabora con Domenica del Sole 24 Ore, La Repubblica e il Venerdì, dove dal 2015 tiene la rubrica Psycho su cinema e psicoanalisi. Tra i suoi libri Citizen gay. Affetti e diritti (il Saggiatore), Mindscapes. Psiche nel paesaggio (Raffaello Cortina), Diagnosi e destino (Einaudi) e le raccolte di poesie La confusione è precisa in amore (nottetempo) e Alterazioni del ritmo (nottetempo).

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium