/ Attualità

Attualità | 25 gennaio 2020, 07:27

Il Valentino guarda al futuro: sinergia tra Giunta e Comitato di gestione per la riqualificazione del parco

I comitati chiedono di essere coinvolti: “La Giunta si confronti con chi vive il parco”. Iaria rassicura: “A breve lo convocherò”

Il Valentino guarda al futuro: sinergia tra Giunta e Comitato di gestione per la riqualificazione del parco

Uno spiraglio di luce in fondo a un tunnel chiamato degrado: il parco del Valentino si avvia, seppur lentamente, verso la tanto sperata riqualificazione.

Dopo mesi di tensioni e polemiche, con le discoteche abbandonate o incendiate, la giornata di ieri vede per la prima volta un’unità di intenti per il recupero di uno dei principali polmoni verdi di Torino. L’incontro all’aria aperta organizzato nella giornata di ieri dal comitato Parco Vivo, infatti, sembra tracciare una linea ben precisa: la riqualificazione del Valentino non dovrà essere decisa all’interno degli uffici di Palazzo Civico, ma dovrà essere frutto di un percorso partecipato, con la Giunta pronta ad ascoltare le persone che lavorano e animano il parco. La richiesta è semplice: applicare il regolamento del Valentino e coinvolgere il comitato di gestione.

Questo l’auspicio di Giuseppe iannuzzi, presidente di Parco Vivo: “Mi auguro che la Giunta si confronti con chi vive il parco, non vorremmo essere informati a cose fatte”. Parole che seguono quelle di Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8: “Sarebbe incomprensibile fare una delibera quadro senza coinvolgere e confrontarsi con lo strumento previsto dal regolamento del Valentino, cioè il comitato di gestione”. Dall’assessore all’Urbanistica Antonino Iaria, arriva però una decisa apertura: “Certo che coinvolgerò il comitato, è mia intenzione farlo nei prossimi giorni”.

Via libera dunque al dialogo. Spetterà ora ai vari comitati del Valentino presentare alla Giunta idee e proposte per un parco “vivo sia di mattina che di notte, sia d’estate che in inverno”. Iannuzzi spiega: “Il Valentino nasce per essere vissuto dalla città. Qui nessuno vuole bypassare la legalità, ma serve una visione e agire tempestivamente per non far sì che le cose vengano lasciate andare”. Qualche idea è già stata esposta: dalle mostre di natura nei viali del parco alle esposizioni di pittura, sino a proposte più concrete come la revisione delle tariffe del suolo pubblico, della Tari e il ripristino di parcheggi vicino ai ristoranti del parco.

Insomma, tante idee e visioni che verranno portate direttamente a Palazzo Civico, in modo tale che possa essere instaurato un dialogo prima della pubblicazione della delibera e dei bandi per i locali. Soddisfatta Chiara Foglietta, vice capogruppo del Partito Democratico, presente alla riunione: “Sposo in toto le battaglie portate avanti dai gestori e dai fruitori del parco, è un bene che si siano uniti per far qualcosa di concreto per il Valentino”.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium