/ Attualità

Attualità | 21 febbraio 2020, 20:00

Psicosi coronavirus a Chivasso. Ma era un ictus

Momenti di apprensione poco fa per un caso sospetto del virus killer

Psicosi coronavirus a Chivasso. Ma era un ictus

Della serie "C'è un cinese in coma". Ed invece era un ictus. 

Momenti di panico poco fa a Chivasso per un caso sospetto di coronavirus. Una frase, giusto poche righe ed è scattata la psicosi. "C'è un caso di Coronavirus". E la città ed i social sono impazziti. Sono impazzite anche tutte le persone che oggi pomeriggio erano lì, all'ospedale, per l'inaugurazione dell'emodinamica, dove sarebbe stato portato il presunto caso.

La verità è che un uomo, di nazionalità cinese, è stato ricoverato all’Ospedale per un’emorragia cerebrale. E’ solo a scopo del tutto precauzionale, non potendo ricostruire la storia clinica del paziente, che nell’ambito della batteria dei test eseguiti sono anche stati effettuati i dosaggi virologici per il coronavirus che sono stati inviati all’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino. 

Nel comunicare il risultato del test, il Direttore della Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza dell’ASL TO4, dottor Paolo Franzese, ha riferito che, come era prevedibile, il test è risultato negativo.

La smentita è arrivata anche dall'ospedale Amedeo di Savoia, che ha dichiarato di non avere, per fortuna, casi di coronavirus "provenienti da Chivasso nè da altrove".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium