/ Attualità

Attualità | 24 febbraio 2020, 21:05

Coronavirus, confermate le chiusure degli stabilimenti Italdesign di Moncalieri e Nichelino

Dopo la scoperta della positività di un dipendente. Il ceo Astalosch: "La priorità rimane la salute dei nostri collaboratori e delle famiglie"

Coronavirus, confermate le chiusure degli stabilimenti Italdesign di Moncalieri e Nichelino

Per ragioni organizzative e preventive, vengono confermate le chiusure di stabilimenti e uffici Italdesign delle sedi di Moncalieri e Nichelino anche per la giornata di domani, martedì 25 febbraio.

Ulteriori decisioni per i giorni successivi verranno concordate con le Autorità Sanitarie alla luce dei risultati che arriveranno, dopo la scoperta della positività al coronavirus di un dipendente dello stabilimento di Nichelino (l'uomo che è in isolamento nella sua abitazione a Cumiana). "Prima di tutto voglio augurare al nostro collega una pronta e totale guarigione. La priorità rimane la salute di tutti i nostri collaboratori, delle famiglie e delle comunità in cui operiamo", ha  dichiarato Jörg Astalosch, CEO di Italdesign.

"Siamo certi di poter contare sulla cooperazione di tutti i nostri collaboratori, partner e clienti per far sì che questa situazione incida il meno possibile sulla normalità operativa quotidiana. In Italdesign ci stiamo facendo carico di questa situazione insieme alle autorità".

L'auspicio dell'azienda è un ritorno alle condizioni di normalità nel più breve tempo possibile.

In una nota stampa arrivata invece pochi minuti fa, la Fondazione "conferma tutta la propria gratitudine ai nostri amati Personaggi e a tutti coloro che a vario titolo contribuiscono con passione e sacrificio alla realizzazione della nostra festa".

"In un lunedì di Carnevale eccezionale, e ci auspichiamo irripetibile - scrivono gli organizzatori -, la Fondazione e l’Amministrazione comunale hanno pertanto reso omaggio in modo tangibile a Mugnaia e Generale i quali, in abiti civili, sono stati accolti dal Sindaco della città di Ivrea Stefano Sertoli per esprimere loro tutta la vicinanza della città ai valori dagli stessi rappresentati e per spiegare direttamente al popolo del Carnevale le ragioni delle disposizioni emesse nella serata di ieri".

Il sindaco Sergio Sertoli ha invece dichiarato che "al fine di evitare che si creassero problemi, ho voluto spiegare i tempi e le ragioni dell’ordinanza del Comune e quella immediatamente successiva del Ministero in accordo con la Regione".

Il primo cittadino ha poi voluto elogiare le persone convenute per la compostezza e le Forze dell’Ordine presenti per aver mantenuto il controllo della situazione. Ha elogiato le principali figure storiche del Carnevale che sono state accolte nel Palazzo Comunale anche al fine di favorire la dispersione di coloro che si erano riuniti.

Nonostante l'episodio di oggi, la situazione non cambia ed il Carnevale non si farà. "La Fondazione conferma pertanto che le disposizioni che hanno reso necessaria e ineluttabile l’interruzione del nostro Carnevale in conseguenza dell’adozione di norme contingenti a tutela della salute pubblica, restano in vigore".

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium