/ Attualità

Attualità | 25 febbraio 2020, 15:25

Sostenibilità, a lezione con i giovani cuochi del Colombatto

Dal mese di marzo saranno i tutor di circa 150 allievi delle classi dell’istituto comprensivo Antonelli-Casalegno sul tema della sostenibilità alimentare

Sostenibilità, a lezione con i giovani cuochi del Colombatto

Venti giovani e futuri cuochi, studenti dell’istituto professionale "G. Colombatto", dal mese di marzo, saranno i tutor di 7 classi e circa 150 allievi delle classi dell’istituto comprensivo Antonelli-Casalegno sul tema della sostenibilità alimentare

Lo schema di protocollo fra la Città e l’IC Antonelli Casalegno e l’istituto professionale G. Colombatto per la realizzazione del progetto “Sostenibilità: a lezione con i giovani cuochi” è stato approvato questa mattina dalla Giunta comunale.

La proposta nasce dall’esigenza di sensibilizzare gli alunni della scuola primaria sulla corretta giornata alimentare, nella quale è ricompreso il pasto a scuola, valorizzando la mensa come momento educativo e come costruzione di un percorso alimentare partecipato e, al contempo, mira a responsabilizzare gli studenti sul ruolo, anche sociale, che svolgeranno in futuro.

L’obiettivo dell’iniziativa è accrescere le competenze trasversali di tutti gli studenti sulla sostenibilità ambientale connessa all’alimentazione, con particolare riferimento alla ristorazione scolastica e alla riduzione degli sprechi. Trattandosi di un tema complesso e articolato la dimensione multidisciplinare e la diversificazione delle competenze costituirà un indispensabile valore aggiunto.

Si tratta di un prima sperimentazione per formare e informare i futuri cuochi attraverso un percorso didattico-esperienziale, affinché diventino, a loro volta, tutor degli alunni della scuola primaria, trasmettendo loro, in modo efficace, semplice e agevole, le proprie competenze e conoscenze sul tema della sostenibilità ambientale e alimentare anche in riferimento all’Agenda 2030.

La vicinanza di età tra studenti e piccoli alunni, inoltre, consentirà una metodologia “peer to peer” per una migliore sintonia di linguaggi, di comunicazione e di interazione affinchè gli allievi siano coinvolti e indirizzati verso un corretto approccio al pranzo a scuola.

Il programma, per ora limitato a un numero ridotto di studenti, prevede che i ragazzi dell’istituto Colombatto approfondiscano anche alcuni aspetti sul servizio di ristorazione scolastica con una visita al centro di cottura per osservare in presa diretta le modalità e le fasi della preparazione dei pasti.

Nella lezione in classe i giovani tutor metteranno in luce, con un linguaggio semplice, chiaro ed efficace, gli aspetti positivi della ristorazione scolastica e affronteranno i temi sui corretti stili di vita, benessere, obesità, sicurezza alimentare, esigenze nutrizionali, con un occhio attento al consumo consapevole e al diritto di tutti di partecipare alle scelte alimentari e alla valorizzazione  delle produzioni del territorio.

Gli esiti del progetto saranno verificati e condivisi fra tutti gli attori coinvolti che  ne valuteranno la replicabilità. In tal caso il progetto potrà entrare a regime anche in futuro, inserendosi nell’ambito delle iniziative che il MIUR ha annunciato di voler promuovere.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium