/ 

Secondamano.it

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e divano letto, bagno. Grande terrazzo panoramicissimo,...

Sardegna la caletta costa orientale 50km a sud di Olbia affitto vicino al mare confortevole appartamento piano terra massimo 6 pl, TV color, lavatrice, riserva idrica, doccia...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche su facebook (Andrea Panarese zona Savona). Acquisto anche...

In Breve

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

| domenica 14 febbraio 2016, 10:12

Juventus-Napoli 1-0, bianconeri in testa alla classifica

Decide un gol di Simone Zaza a due minuti dal 90' complice anche una deviazione di Albiol

La Juve batte il Napoli 1-0 nel big match della venticinquesima giornata di campionato e balza in testa alla classifica a quota 57 sopravanzando i partenopei di un solo punto.

Decide un gol di Simone Zaza a due minuti dal 90' complice anche una deviazione di Albiol. Partita bloccata con pochi spunti ed un coniglio tirato dal cilindro quando sembrava che il match fosse predestinato allo 0-0.

"Vincere non era semplice, andare in testa al campionato è importante, ma mancano ancora 13 partite" il commento di Massimiliano Allegri.

"Devo fare i complimenti ai miei ragazzi, perché sono cresciuti singolarmente e come squadra: in questa squadra è cresciuta l'autostima - aggiunge a Premium Sport -. Era un test importante, per dimostrare di essere all'altezza, perché tre mesi fa eravamo dodicesimi: questo era uno snodo importante per il nostro campionato a livello psicologico".


Per Sarri "è stata una partita bloccata e con poche occasioni: non abbiamo concesso quasi nulla perdendo soltanto a causa di un episodio sfortunato. Può capitare: la Juventus sta bene ed è in salute ma anche noi abbiamo fatto una buona partita soprattutto difensivamente. Forse potevamo essere più sciolti e sfrontati in fase d'attacco ma dover difendere così attentamente forse ci ha condizionato"

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore