/ Oggi Juve

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Oggi Juve | sabato 09 gennaio 2016, 15:38

Serie A al giro di boa: le probabili formazioni di Sampdoria-Juventus

L’ultimo turno del girone d’andata propone la sfida del “Luigi Ferraris”, in programma domenica alle 20.45: Allegri deve fare i conti con l’assenza di Marchisio a centrocampo, mentre Montella conferma Cassano al centro dell’attacco blucerchiato

 

Minuto numero 32: Stephan Lichtsteiner semina il panico sulla fascia destra, rientra sul sinistro ed effettua un traversone tagliato sul secondo palo. Il pallone sorvola la testa di Fernando Llorente e prosegue la propria corsa verso Arturo Vidal; il cileno spicca il volo e con una poderosa incornata disegna una parabola che scheggia il palo e termina in rete. È il 2 maggio 2015. È il goal scudetto, è il goal che consegna alla Juventus il suo quarto tricolore consecutivo, agguantato con quattro giornate d’anticipo.

Sono passati 8 mesi dall’apoteosi zebrata e da allora sono cambiate molte pedine dello scacchiere di Massimiliano Allegri: eppure, il match fra la Vecchia Signora e la Sampdoria, in programma domani alle 20.45 presso lo stadio “Luigi Ferraris” di Genova, anche questa volta assume un’importanza fondamentale nella lotta per il titolo condotta da Buffon e compagni. Espugnare Marassi significherebbe inanellare la nona vittoria di fila in campionato e, nella peggiore delle ipotesi, mantenere inalterato il divario che separa i vicecampioni d’Europa dalla vetta della classifica.

Un obiettivo che può essere perseguito anche grazie alla strepitosa condizione atletica e mentale di Paulo Dybala, autore di cinque reti e due assist nelle ultime sette gare disputate in A: la Joya in carriera ha già messo a referto tre marcature contro la compagine del presidente Massimo Ferrero.

Un ruolo analogo, a parti invertite, lo recita Antonio Cassano: il fantasista barese ha esultato sette volte contro i bianconeri e, dopo la superba prestazione sfoderata nel “derby” contro i cugini del Genoa, proverà con il suo estro a regalare alla Samp il terzo successo consecutivo nel torneo, un filotto non ancora centrato in questa stagione.

FantAntonio è alla sua seconda vita in blucerchiato: la prima volta fu portato all’ombra della Lanterna da Giuseppe Marotta, amministratore delegato della società di corso Galileo Ferraris, che lo prelevò in prestito gratuito con diritto di riscatto dal Real Madrid. Ben presto l’acquisto dell’ex attaccante della Roma si rivelò un’intuizione geniale e segnò una tappa importantissima nella storia recente del club genovese. Di lì a poco, infatti, al fianco di Cassano giunse Giampaolo Pazzini: i due, sotto la guida tecnica di Luigi Delneri, costituirono un infallibile tandem offensivo e al termine della stagione 2009/2010 trascinarono la Sampdoria al quarto posto in graduatoria, con annessa qualificazione ai preliminari di Champions League.

Domani sera, tuttavia, il passato dovrà essere accantonato per almeno 90 minuti e le emozioni dovranno lasciare spazio alle esigenze di classifica. Allegri riproporrà nuovamente il 3-5-2, con Buffon tra i pali e il terzetto difensivo formato da Martín Cáceres (favorito su Rugani), Bonucci e Chiellini. A centrocampo la squalifica di Marchisio costringe il tecnico livornese a individuare un suo sostituto, in attesa di eventuali regali di mercato: in pole position figura Sturaro, anche se Hernanes scalpita. A completare la mediana saranno i titolarissimi Khedira e Pogba, mentre sulle corsie esterne vi è il consueto ballottaggio fra Lichtsteiner e Cuadrado e tra Alex Sandro ed Evra: lo svizzero e il brasiliano, in campo per tutto il match di mercoledì contro l’Hellas Verona, sembrano in leggero vantaggio sui loro omologhi, ma non si possono escludere sorprese. In attacco, infine, confermati Dybala e Morata; l’ariete iberico è insidiato da Simone Zaza, che potrebbe anche scavalcarlo nelle gerarchie prima del fischio d’inizio. Nota a parte per Mario Mandžukić: il croato non dovrebbe essere nemmeno convocato per motivi precauzionali. Ieri il centravanti non si è allenato con il gruppo e lo staff tecnico della Juventus non pare intenzionato a correre rischi inutili.

Per frenare la rincorsa dei campioni d’Italia Vincenzo Montella schiererà una Sampdoria a trazione anteriore, puntando sul 4-3-3. A protezione della porta di Viviano ci saranno Cassani (in luogo dell’infortunato De Silvestri), Zukanović, Moisander e Regini. Ad orchestrare il gioco a centrocampo saranno Edgar Barreto (lo slovacco Ivan dovrebbe partire dalla panchina), Fernando e Soriano, con Éder, Cassano e Carbonero a costituire il tridente offensivo.

A dirigere l’incontro valido per la 19^ giornata del campionato di Serie A sarà il 41enne Paolo Silvio Mazzoleni: il fischietto bergamasco ha già arbitrato la Juventus in questa stagione nella gara d’esordio contro l’Udinese (0-1 in favore dei friulani) e nel big match contro il Milan, sconfitto 1-0 da una prodezza del solito Dybala.

Di seguito riportiamo le probabili formazioni:

SAMPDORIA (4-3-3): Viviano; Cassani, Zukanović, Moisander, Regini; Barreto, Fernando, Soriano; Éder, Cassano, Carbonero. Allenatore: Vincenzo Montella

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Cáceres, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Sturaro, Khedira, Pogba, Alex Sandro; Dybala, Morata. Allenatore: Massimiliano Allegri

 

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore