/ Oggi Juve

Affari & Annunci

anziani badante signora 58enne Torinese con esperienza cerca lavoro si garantisce serietà e affidabilità disponibile anche sabato e domenica mattina. Torino

aiuto cuoca banconista con esperienza cerca lavoro anche assistenza anziani no automunita. Mathi

tecnico commerciale conoscenza lingua inglese tedesco cerca lavoro come agente. Castiglione Torinese

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Oggi Juve | martedì 05 gennaio 2016, 11:24

Serie A: Juventus-Hellas Verona, le probabili formazioni

I bianconeri vanno a caccia dell’ottavo successo di fila in campionato per continuare la scalata alla vetta: Allegri punta sul tandem Morata-Dybala, mentre Delneri pare orientato verso il 4-4-2

In casa Juventus panettoni e alberi di Natale sono stati archiviati già da un pezzo. Dallo scorso 29 dicembre, a Vinovo, il pensiero è uno solo, e si chiama Hellas Verona: domani sarà fondamentale sconfiggere gli scaligeri per agguantare l’ottava vittoria consecutiva e provare ad avvicinare ulteriormente il primo posto in graduatoria. Gli ostacoli, tuttavia, non mancano.

Innanzitutto, in questa stagione “Madama” non ha avuto un gran feeling con gli “ex”: prima Fernando Llorente ha relegato i bianconeri al secondo posto nel girone di Champions League con uno stacco aereo perentorio, poi Marco Borriello ha rischiato di rovinare il Natale a Buffon e compagni, siglando il momentaneo vantaggio del Carpi nel match del 20 dicembre, terminato 2-3 in favore dei campioni d’Italia.

Domani allo “Juventus Stadium” si presenterà Luca Toni, uno che di goal se ne intende: il bomber modenese ha indossato la casacca zebrata nella seconda parte della stagione 2010/2011, raggranellando 14 presenze e mettendo a referto due reti, contro Cagliari e Genoa. In quel periodo la compagine torinese era allenata proprio da Luigi Delneri, che dopo 5 anni incrocia sul suo cammino quella che un tempo fu la sua squadra.

Doppio ex e doppi scongiuri, dunque, a cui si aggiunge una tradizione non troppo positiva per i vicecampioni d’Europa, che spesso nella calza della Befana hanno trovato... carbone: dal 6 gennaio 2001 ad oggi, dopo la pausa invernale, la Vecchia Signora ha centrato 8 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, due delle quali sono maturate nell’ultimo quinquennio, per mano di Parma e Sampdoria.

Per scongiurare ogni pericolo, Massimiliano Allegri punterà sull’assetto maggiormente collaudato, quel 3-5-2 che ha fatto le fortune di Antonio Conte sulla panchina bianconera. La linea difensiva davanti a Buffon sarà composta da Rugani (Barzagli resterà a riposo in seguito al problema muscolare accusato nei giorni scorsi), Bonucci (recuperato dopo un attacco febbrile) e Chiellini. A centrocampo agirà l’insostituibile trio Khedira-Marchisio-Pogba, mentre sugli esterni Lichtsteiner ed Evra sembrano leggermente favoriti sui loro omologhi Cuadrado e Alex Sandro, anche se certezze assolute, in questo caso, non ve ne sono. Davanti, accanto a Dybala, dovrebbe ritrovare una maglia da titolare Morata, in virtù dell’infortunio al polpaccio sinistro rimediato in allenamento da Mandžukić.

L’Hellas Verona, dal canto suo, sta ancora meditando sull’abito da indossare al cospetto del pubblico torinese. Il dubbio è: meglio puntare sul tradizionale 4-2-3-1 o virare sul 4-4-2 per poter contare in fase realizzativa sui centimetri di Toni e Pazzini, considerata anche l’oggettiva difficoltà palesata dagli uomini di Allegri sui calci da fermo? Al momento la seconda opzione pare essere in pole position nei pensieri di Delneri, ma il nodo tattico sarà sciolto soltanto un’ora prima del fischio d’inizio. Tra le fila dei veneti, partirà titolare il giovane estremo difensore Gollini, con Eros Pisano, Bianchetti, Moras e Souprayen a costituire il reparto arretrato, recentemente indebolitosi con la partenza di Rafael Márquez, accasatosi all’Atlas, in Messico. Sulle fasce spazio a Wszołek e Siligardi (in panchina potrebbe andare il nuovo acquisto Urby Emanuelson), coadiuvati da Viviani e Hallfreðsson al centro. In attacco, come detto, dovrebbero esserci dal primo minuto Toni e Pazzini.

Ad arbitrare il match, valido per la 18^ giornata di Serie A, sarà l’ingegnere teramano Gianpaolo Calvarese, che non evoca ricordi piacevoli ai sostenitori gialloblù: infatti, il fischietto 39enne ha già diretto una sfida fra le due compagini. Era il 15 gennaio 2015 e in palio c’era l’accesso ai quarti di finale di Coppa Italia: finì 6-1 per la Juventus, con gli acuti di Sebastian Giovinco (doppietta), Roberto Pereyra, Pogba, Morata (a segno dagli undici metri) e Kingsley Coman.

Di seguito riportiamo le probabili formazioni:

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Rugani, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Khedira, Marchisio, Pogba, Evra; Dybala, Morata. Allenatore: Massimiliano Allegri

HELLAS VERONA (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Souprayen; Wszołek, Viviani, Hallfreðsson, Siligardi; Toni, Pazzini. Allenatore: Luigi Delneri

 Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore