Attualità - 12 maggio 2018, 13:00

Latte days, la battaglia per "l'oro bianco" riparte dai bambini

Appuntamento per il 18 e il 19 maggio, a Torino Incontra, per raccontare ai piccoli e alle loro famiglie una realtà spesso distante dagli attacchi (e dalle fake news) subiti da questo alimento fondamentale negli ultimi anni

Latte days, la battaglia per "l'oro bianco" riparte dai bambini

La "battaglia" del latte riparte dai bambini. Negli ultimi anni, infatti, uno dei filoni più vivaci delle fake news ha capito l'alimentazione. E il latte non si è salvato da attacchi che, in molti casi, si sono rivelati infondati. Ma che hanno contribuito a fare danno, abbattendone il consumo, nei grandi come nei piccini.

Una lamentela che si sente già da tempo (non ultimo, i vertici di Centrale del Latte in occasione dell'ultimo incontro con i media), ma che ora vuole rilanciarsi con o cosiddetti Latte days, che questa mattina hanno vissuto un prologo con un seminario ricco di esperti, ma che vivranno il clou il 18 e 19 maggio, quando a Torino Incontra i produttori, le associazioni e gli enti coinvolti aspetteranno bimbi e famiglie per raccontare la loro versione sul latte, con assaggi, laboratori e altro ancora.

Dunque la filiera produttiva (altro soggetto che ha sofferto pesantemente gli attacchi di questi ultimi tempi), ma anche le trasformazioni che il latte è in grado di offrire finendo sulle nostre tavole in svariate forme. Con loro, ci sarà spazio anche per raccontare le fattorie didattiche, il ciclo dell'erba e l'importanza dei pascoli. 

"Il latte non è solo quello che leggiamo sulla tabella nutrizionale - racconta Andrea Pezzana, SC nutrizione clinica e Asl Città di Torino - e ha subito attacchi spesso terroristici e con approcci quasi fideistici. Eppure fin alla nascita il latte è fondamentale, a partire dall'allattamento al seno materno".

"Il latte è una miscela di decine di migliaia di nutrienti - prosegue - con una complessità elevatissima. Senza dubbio ci sono reazioni che possono essere negative, ma ricondurre tutto alla dicotomia tra fa bene o fa male è quantomeno ingenuo. Molto incide, per esempio, sul confine tra il consumo e il sovra-consumo di alimenti di origine animale, ma anche la grande presenza di Calcio può essere protettivo da alcune patologie e meno da altre. Bisogna andare oltre il nutrizionismo semplice, del singolo alimento, ma avere una visione più ampia dello stile alimentare di una persona o di una comunità nel suo complesso. Ci sono gruppi di alimenti protettivi e altri che sono a rischio. Spesso, poi, ci preoccupiamo di alimenti che mangiamo due volte all'anno senza pensare magari agli errori di tutti i giorni".

Il seminario e i due Latte days, realizzati da Camera di Commercio di Torino, rientrano nel programma "Il latte fa bene" e sono inseriti nell'ambito del progetto nazionale "Latte nelle scuole", sostenuto dall'Unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU