/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 28 gennaio 2019, 11:31

Fatturazione elettronica, oltre un milione e mezzo quelle già emesse a Torino e provincia da inizio anno

In Piemonte i documenti digitali emessi sono stati quasi 2,5 milioni. Sanzò (Agenzia delle Entrate): "Fugati i timori legati a questa innovazione. Ma a marzo faremo il punto e per 6 mesi non ci saranno sanzioni"

Fatturazione elettronica, oltre un milione e mezzo quelle già emesse a Torino e provincia da inizio anno

Quasi due milioni e mezzo di fatture elettroniche emesse in 20 giorni abbondanti in Piemonte, di cui oltre un milione e mezzo solo a Torino e provincia. È il primo punto sull'impatto di questo cambiamento epocale nel tessuto produttivo del nostro territorio.

Sono stati diffusi in occasione del convegno sulle novità fiscali 2019 organizzato dall'Agenzia delle entrate del Piemonte e dall'Ordine dei commercialisti ed esperti contabili di Torino e provincia. In tutto, gli operatori che hanno emesso fatture elettroniche sono stati 80.609, per un totale di oltre 2 milioni e 420mila documenti. A Torino e provincia si contano 40.521 addetti che hanno emesso fattura elettronica, per un totale di 1.516.013.

La seconda provincia più attiva è Cuneo, con 12.530 emettitori per un totale di 357.063 fatture. Terza provincia Alessandria (7.594 operatori per 124.348 fatture) e poi Asti (3.971 operatori per 65.139 documenti).

"Le cose stanno andando secondo i programmi. E lo scetticismo iniziale, comune davanti a un'innovazione, ha lasciato il posto alla quotidianità. E così tante fatture in poche settimane evidenziano che il sistema è semplice e non ci sono le difficoltà paventate. Questo dà un grande aiuto alla lotta all'evasione fiscale: senza cartaceo non si può sperare di scamparla", commenta il direttore regionale dell'Agenzia Giovanni Achille Sanzò.

E quel 3% di fatture "sbagliate"? "Si tratta di un dato fisiologico, ma legati a errori materiali di compilazione come date o simili, ma non a livello informatico. A marzo fare il primo punto e un confronto sulle prime reazioni ed eventuali difficoltà. Comunque per i primi 6 mesi non ci sono sanzioni, proprio per permettere a tutti di prendere dimestichezza con la fatturazione elettronica. Anzi, la gente imparerà ad apprezzare i benefici".

"Come cultura professionale tendiamo a risolvere i problemi. È sicuramente un impatto di rilevanza epocale e chi ha meno dimestichezza può incontrare problemi, ma a regime tutto andrà per il meglio. Certo, si somma a una serie di nuovi adempimenti che nel loro insieme possono creare difficoltà generali", aggiunge Luca Asvisio, presidente dell'Ordine dei commercialisti di Torino e provincia.

"Un effetto concreto può essere stato quello di aver rallentato un po' i pagamenti delle grandi realtà ai piccoli".

Massimiliano Sciullo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium