/ Eventi

Eventi | 06 aprile 2019, 08:45

Spazio urbano e cittadinanza attiva? Ne parla la cultura indipendente al Connections Festival

Prima edizione fino al 7 aprile organizzata da "Il Caffè Torinese" presso l'Istituto "Alfieri Carrù". Tre giorni di conferenze e dibattiti con esponenti del mondo culturale e accademico cittadino

Spazio urbano e cittadinanza attiva? Ne parla la cultura indipendente al Connections Festival

Lo spazio urbano come occasione di dialogo, riflessione e legami da intrecciare. È questo il focus della prima edizione di Connections Festival, una tre giorni di dibattiti e conferenze organizzata dalla redazione di “Il Caffè Torinese” presso l’Istituto “Alfieri Carrù” (via Accademia Albertina 14).

A ingresso libero, l’evento ospita fino a domenica 7 aprile oltre venti protagonisti del panorama culturale e accademico torinese, con lo scopo di estendere a un pubblico eterogeneo il ragionamento attorno all’essere cittadini in un ambiente mutevole, in continua trasformazione. L'immagine guida, non a caso, è un bozzetto di Filippo Juvarra sopra una pianta di Torino. 

Il festival vuole rispondere a una domanda culturale odierna”, spiegano gli organizzatori, “dimostrando che, rispetto alla desertificazione attuata da certe politiche nel mondo della cultura, esiste una controproposta indipendente, dal basso. Connections è quindi, da una parte, un evento di cittadinanza attiva, dall’altra un festival politico. Siamo molto fiduciosi rispetto ai suoi sviluppi futuri: ora la nostra ambizione è di accrescere nei partecipanti una coscienza critica”.

Tanti i relatori in programma. La giornata inaugurale di ieri ha visto, tra gli altri, il trombettista Johnny Lapo, che ha parlato del ruolo del jazz per le periferie cittadine, ed Enrico Verra, regista del film A spasso con i fantasmi sceneggiato da Giuseppe Culicchia, che ha ripercorso i momenti fondamentali della lunga storia d’amore fra Torino e il cinema, dai vecchi kolossal ai lavori contemporanei.

Ben venga un festival come questo – ha commentato il consigliere comunale Stefano Lo Russo, ex assessore all’urbanistica, presente alla conferenza di presentazione –, che crea “connessioni” per far sentire i cittadini realmente parte di un comunità. Un’occasione utile per ricostruire un rapporto solido con il contesto urbano, abbandonando l’individualismo in favore di un agire collettivo”.

Tra gli ospiti del fine settimana, spiccano lo storico Gianni Oliva, con un approfondito excursurs sul trasferimento della capitale sabauda da Chambéry a Torino nel 1563, ad opera del duca Emanuele Filiberto; il direttore del Museo Pietro Micca Franco Cavarezza, che accompagnerà il pubblico in un viaggio nella Torino Sotterranea; Luciano Allegra, docente di storia moderna all’Università di Torino, con una lectio sul ghetto ebraico; ed Enrica Pagella, direttrice dei Musei Reali, vera e propria “città dentro la città”.

Il programma completo è disponibile sul sito: https://connectionsfest.wixsite.com/connectionsfestival

Manuela Marascio

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium