Strade aperte | 05 ottobre 2019, 20:05

In viaggio nei quartieri di Torino, dove si possono incontrare le diverse sfaccettature del mondo

L'idea è di Migrantour: per scoprire il mondo non serve visitare i luoghi, ma dialogare e confrontarsi con le persone. Quelle che arrivano da territori lontani, ma che magari vivono nel nostro stesso condominio, o pochi isolati più in là

In viaggio nei quartieri di Torino, dove si possono incontrare le diverse sfaccettature del mondo

Per conoscere le diverse realtà che popolavano il mondo, l’antropologia – almeno in origine – utilizzava i racconti degli esploratori e i viaggi in terre lontane. Con l’epoca contemporanea e le migrazioni sempre più fluenti, però, le risposte non bisogna più cercarle in terre lontane, ma dietro l’angolo della propria casa.

Non è una novità dei giorni nostri affascinarsi per le differenze e le bellezze presenti nel pianeta. In questi ultimi anni, però, sta crescendo in maniera esponenziale il turismo responsabile, e con questo il desiderio di un contatto diretto con le persone che vivono i territori. Non ci basta più soltanto visitare città e osservare i paesaggi mozzafiato dell’Africa o dell’Asia, vogliamo conoscere chi quel mondo popola e vive. Ma se tutto questo è vero, e a essere ricercati sono principalmente i popoli, perché allora non c'è altrettanto interesse nell'approcciarsi al nostro vicino di casa peruviano, rumeno, kenyota?

Da questo interrogativo nel 2009 a Torino nasce l’idea di Migrantour, in collaborazione con l’agenzia Viaggi Solidali. Lo scopo di questo programma è di mostrare, sotto un’ottica differente e stimolante, i quartieri della nostra città, creando un dialogo con gli stranieri che vi risiedono.

Il progetto parte con la scoperta di Porta Palazzo. La scelta è venuta spontanea vista la particolarità di questo quartiere che unisce i cibi e storie di ogni provenienza culturale e che da sempre è stato un luogo di incontro per tutti. Inoltre, si tratta di un luogo che affascina, ma che è ancora carico di pregiudizi da smantellare. Successivamente prendono avvio anche i tour in San Salvario, importante per il dialogo interreligioso, il quartiere latino-americano di San Paolo, Mirafiori e i ricordi di una migrazione interna nelle fabbriche della Fiat, e, infine, Barriera di Milano, una periferia da rivalutare e riqualificare.

Ogni anno 2.000 partecipanti si addentrano in queste realtà quotidiane fino ad allora passate inosservate e spesso sotto l’occhio di un preconcetto. D'altronde, quello che non conosciamo ci fa paura. Migrantour lavora soprattutto con le scuole medie e superiori. È l’età vulnerabile nella quale le opinioni errate sulle migrazioni si iniziano a formare e solo l’esperienza e la giusta informazione possono modificare il giudizio a riguardo.

Si nota come le percezioni sulle migrazioni siano distorte: i cittadini stranieri residenti a Torino sono infatti il 9,8%, ma alla domanda “Quanti immigrati ci sono in città?”, gran parte dei torinesi indica cifre vicine al 60-70%. Gli accompagnatori interculturali non svolgono, quindi, soltanto un ruolo turistico, ma assumono una posizione educatrice, strutturando la visita con delle tappe fondamentali nelle quali si riflette insieme sul significato delle migrazioni e l’importanza che esse hanno per la società sia a livello culturale che a livello economico. Lavorare con gli adolescenti è interessante poiché non sono loro a scegliere consapevolmente di partecipare, ma sono gli insegnanti che offrono l’iniziativa, trasformando questa occasione in una lezione a cielo aperto. Infatti, al termine del giro i feedback risultano essere positivi perché, nonostante non sia possibile cambiare radicalmente un pensiero comune insito in una persona, la riflessione sulle proprie convinzioni entra in atto.

Il Migrantour è un progetto che vuole in primo luogo creare una forma di accoglienza differente, favorendo l’informazione cosciente su una realtà oggettiva che ci circonda. Di fatto, esso nasce da persone di diversa provenienza culturale e si sviluppa sotto l’ottica della condivisione di storie personali, manifestandosi ai partecipanti tramite il giusto approccio interdisciplinare tra il turismo, l’antropologia, la sociologia e, soprattutto, la storia accurata dei quartieri visitati.

Giulia Amodeo

Leggi tutte le notizie di STRADE APERTE ›

Giulia Amodeo

Ogni forma d’arte mi affascina e la passione per la scrittura mi accompagna fin dalle scuole Elementari. Nata a Priverno (LT), sono laureata in Comunicazione Interculturale e attualmente studio Comunicazione, ICT e Media. Dopo due anni di scoperta della cultura francese e molti viaggi alle spalle, che mi hanno educata al rispetto e all’amore delle diversità, sono arrivata a Torino, dove vivo ormai dal 2016.

Strade aperte
Questa rubrica nasce convogliando insieme viaggi, scrittura e un’identità culturale fluida e in costante arricchimento grazie all’incontro con l’altro. L'obiettivo è raccontare la multiculturalità che fa di Torino una delle città più ricche e accoglienti. Quartieri carichi di fascino sono popolati da persone di diversa provenienza e cultura. Si parla di storie di vita, di festività nazionali provenienti da tutto il mondo, di lotte pacifiche di natura sociale, di comunità. Culture, ma anche altro, soprattutto con la collaborazione di chi rappresenta le numerose comunità straniere presenti nel territorio piemontese: i Consoli.

Leggi anche

martedì 19 maggio
domenica 03 maggio
domenica 26 aprile
domenica 05 aprile
domenica 22 marzo
domenica 15 marzo
sabato 07 marzo
giovedì 27 febbraio
lunedì 24 febbraio
martedì 18 febbraio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium