/ Eventi

Eventi | 24 gennaio 2020, 15:53

Il “Frutasè” e la “Frutasera” sono diventati i padroni di Cumiana

Stamattina al mercato la consegna delle chiavi del paese. Domenica il ritorno della sfilata dei carri allegorici

La consegna delle chiavi

La consegna delle chiavi

Ezio Boccardo, 69 anni, è davvero un “Frutasè”, mentre Sabrina Dovis, 32, è figlia d’arte. Sono loro due le maschere cumianesi che stamattina hanno ricevuto le chiavi del paese dal sindaco Roberto Costelli.

La cerimonia si è tenuta nella piazza del mercato, dopo che “Frutasè” e “Frutasera” hanno portato il loro saluto ai bambini delle scuole locali.

Boccardo non ha mai vestito i panni della maschera di Carnevale, ma è componente della Compagnia teatrale di Cumiana: «Ho deciso di farlo a 70 anni» scherza. Si vedeva che era a suo agio a girare tra i banchi del mercato con il cesto di vimini pieno di mele in mano: «Ho fatto il frutasé, avevo vent’anni e non era il mio unico lavoro, perché non avevamo abbastanza piante da frutta per vivere solo di quello».

Dovis invece era componente della Compagnia teatrale e ha già condiviso la scena con Boccardo, di lavoro fa l’educatrice ed è figlia d’arte: «Mio padre e mia madre hanno impersonato queste due maschere nel 1982».

Cumiana ha aperto così il suo Carnevale, che culminerà con la sfilata di carri allegorici di domenica 26 alle 14, con partenza da piazza Grande Torino e arrivo in piazza Martiri 3 Aprile, un evento che in paese non si vedeva almeno da una quindicina di anni.

Marco Bertello

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium