/ Eventi

Eventi | 31 gennaio 2020, 17:23

"Veniteci a prendere": il Torino Pride scende in piazza con la rete "Mai più fascismi"

Appuntamento sabato 8 febbraio in piazza Carignano per dire NO ai rigurgiti di intolleranza

"Veniteci a prendere": il Torino Pride scende in piazza con la rete "Mai più fascismi"

Il Coordinamento Torino Pride in seguito agli episodi di intolleranza e violenza che ormai si stanno susseguendo in tutta Italia con preoccupante frequenza, ha deciso che è  giunta l’ora di scendere nuovamente in piazza.

E' l’ora di camminare insieme al coordinamento Mai più Fascismi promosso da ANPI, ARCI, CGIL, CSIL, UIL, ARTICOLO UNO, PCI, PD e rifondazione Comunista e a AICS, Se non ora quando, Terzo Tempo e all’associazione nazionale Treno della Memoria (le adesioni sono in continuo aggiornamento). Scendendo in piazza a Torino l’8 febbraio alle 17,30 in piazza Carignano per urlare:

“veniteci a prendere.”

“I nostri passi sulle orme lasciate vuote nei campi di sterminio. Il nostro cammino sulla strada di casa - la guerra finita - in faccia a qualsiasi tentativo di negazionismo, a qualsiasi rigurgito fascista”.  – affermano all’unisono le associazioni del Coordinamento Torino Pride – “Camminiamo insieme noi che – idealmente – indossiamo la stella e tutti i triangoli del sistema della morte in memoria di quanto accadde. Perché non accada ancora.

Per contrasto a ogni messaggio di morte e sopraffazione. Perché non possiamo più parlare di fatti ignobili definendoli “ragazzate”. Non possiamo più tacere o saremo colpevoli. Ci siamo, veniteci a prendere. Provate a farlo alla luce del giorno e non muovendovi nella notte che vogliamo restituita a chi lavora il terzo turno, a chi veglia in ospedale, a chi si diverte o a chi prepara per gli altri, il pane. Venite, uscite allo scoperto. Conoscete i nostri indirizzi, vi aspettiamo. È tempo che la lezione della storia vi venga detta con chiarezza perché è evidente che abbiamo sbagliato. Non siamo stati abbastanza vigilanti, non abbiamo protetto il volo della farfalla gialla della bambina di Terezin. Oggi, quella farfalla diventa vento. Da oggi sarà sui nostri abiti e volerà in alto, illuminerà persino le vostre vite meschine, in alto sopra la cenere dei forni che vorreste tenere accesi. Noi siamo resistenza, noi siamo partigiani e staffette. Noi ricordiamo e agiamo. E ci troverete ad aspettarvi”.

L’appuntamento è l’8 febbraio, alle ore 17.30, in piazza Carignano.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium