Strade aperte | 02 febbraio 2020, 15:27

Aria di Autonomie tra soggettività, occasioni e paure: domani alla scuola Holden il convegno annuale

Il progetto Aria organizza il convegno annuale dedicato all’autonomia. Dibattiti e pensieri sul significato di questo termine. Protagonisti i giovani delle comunità

Aria di Autonomie tra soggettività, occasioni e paure: domani alla scuola Holden il convegno annuale

Si chiama “Aria di Autonomie – tra soggettività, occasioni e paure” il convegno organizzato quest’anno dal progetto Aria dedicato al significato dell’autonomia che avrà luogo domani presso la Scuola Holden, in Via Borgo Dora, 49 dalle ore 9 alle 17. Gli incontri daranno una visione di realtà e sfaccettature differenti, discutendo su concretizzazioni efficaci da mettere in atto.

Si tratta di un evento a cui relatori e giovani coinvolti in maniera attiva nella giornata di domani cercheranno di rispondere alla domanda: “Quale significato diamo all’autonomia?”.

Un’occasione indirizzata ai ragazzi e alle ragazze, ma non solo. In particolare, si tratta soprattutto di una co-costruzione da effettuare con le figure adulte di riferimento, in prospettiva di ideare un percorso a cui si affianca la comunità ospitante e i giovani.

Il convegno è rivolto a operatori, professionisti, insegnanti, ma anche a giovani e adolescenti. Necessaria la prenotazione a questo link.

Il progetto Aria si preoccupa di sostenere giovani nei loro percorsi di crescita, aiutandoli a raggiungere e sviluppare l’autonomia. Durante la giornata di domani lo spazio aperto al dialogo verrà messo in atto tramite la pratica del Talk-Show che coinvolgerà il pubblico, i ragazzi di questa realtà e gli esperti del settore, come Alberto Pellai e Lorella Boccalini.

Una giornata educativa, ma ricca di emozioni grazie alla partecipazione attiva dei ragazzi che condivideranno storie, sentimenti e risponderanno alle domande e alle curiosità dei partecipanti.

Giulia Amodeo

Leggi tutte le notizie di STRADE APERTE ›

Giulia Amodeo

Ogni forma d’arte mi affascina e la passione per la scrittura mi accompagna fin dalle scuole Elementari. Nata a Priverno (LT), sono laureata in Comunicazione Interculturale e attualmente studio Comunicazione, ICT e Media. Dopo due anni di scoperta della cultura francese e molti viaggi alle spalle, che mi hanno educata al rispetto e all’amore delle diversità, sono arrivata a Torino, dove vivo ormai dal 2016.

Strade aperte
Questa rubrica nasce convogliando insieme viaggi, scrittura e un’identità culturale fluida e in costante arricchimento grazie all’incontro con l’altro. L'obiettivo è raccontare la multiculturalità che fa di Torino una delle città più ricche e accoglienti. Quartieri carichi di fascino sono popolati da persone di diversa provenienza e cultura. Si parla di storie di vita, di festività nazionali provenienti da tutto il mondo, di lotte pacifiche di natura sociale, di comunità. Culture, ma anche altro, soprattutto con la collaborazione di chi rappresenta le numerose comunità straniere presenti nel territorio piemontese: i Consoli.

Leggi anche

martedì 02 giugno
martedì 19 maggio
domenica 03 maggio
domenica 26 aprile
domenica 05 aprile
domenica 22 marzo
domenica 15 marzo
sabato 07 marzo
giovedì 27 febbraio
lunedì 24 febbraio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium