Attualità | 27 febbraio 2020, 05:55

Un luogo da scoprire e il paradiso dell’imprenditoria: l’Ambasciatore dello Zambia racconta del suo amore per l’Italia e dell’importanza del Consolato a Torino

Torino è tra le città più importanti in ambito di cooperazione internazionale. L’Ambasciatore Joseph Katema e il Console onorario Vittorio Pesavento mostrano un territorio ricco di opportunità

Un luogo da scoprire e il paradiso dell’imprenditoria: l’Ambasciatore dello Zambia racconta del suo amore per l’Italia e dell’importanza del Consolato a Torino

Una relazione che nasce nel periodo pre-coloniale, quella tra l’Italia e lo Zambia, due terre ricche di bellezze diverse, sia artistiche che naturali.

Abbiamo incontrato il Console onorario, l’avvocato Vittorio Pesavento, e l’Ambasciatore della Repubblica dello Zambia, Joseph Katema, durante la visita a Torino di quest’ultimo.

Risale all’epoca precedente all’indipendenza, quando l’Italia inizia a fornire energia elettrica a Zambia e Zimbabwe. Viene costruita un’importante raffineria d’olio, tutt’oggi funzionante, e opere di bene pubblico, come strade e infrastrutture, sorgono per lo sviluppo dell’economia locale zambiana. Molti di questi imprenditori italiani provenivano dalla città di Torino. Ecco il motivo della visita nella nostra città: riprendere e migliorare quei rapporti di imprenditoria.

Un tempo, la cooperazione veniva effettuata da governo a governo. Oggi, invece, questa avviene da impresa a impresa. La spinta individualistica del singolo è cosa molto apprezzata, infatti l’Ambasciatore è desideroso di poter vedere rinascere una spinta da parte di imprenditori dinamici e motivati, una spinta che ha sempre caratterizzato l’imprenditoria italiana. Vista l’importanza che la città di Torino possiede in ambito di cooperazione e per l’economia dello Zambia, è stato istituito proprio qui in Piemonte un Consolato, insieme a Firenze e Napoli. Inoltre, molto significativa è la presenza di un’Ambasciata italiana a Lusaka, simbolo di una perfetta relazione tra i due Stati.

Nel 2014 è stato istituito un accordo di protezione per lo scambio commerciale tra l’Italia e lo Zambia, al fine di evitare interventi di tipo nazionale e tutelare l’iniziativa individuale, rendendo sicuri e protetti gli investimenti.

Nel settore economico entra in gioco il fondamentale ruolo del Console onorario, il quale mantiene attivi e allarga i rapporti internazionali tra aziende piemontesi e territorio zambiano.

La nascita di questa relazione, tanto lontana quanto stabile, ha una ragione di fondo molto personale: una passione reciproca nei confronti dei due paesi da parte del Console Pesavento e dell’Ambasciatore Katema.

Joseph Katema, oltre ad essere una figura diplomatica di grande rilevanza, è anche un dottore. Fino al 2006 ha lavorato negli ospedali dello Zambia, fino al momento in cui è entrato in Parlamento. Dopo aver ottenuto diverse cariche come ministro dello sviluppo, poi dell’istruzione e, in ultimo, degli affari esteri, nel 2018 è divenuto Ambasciatore dello Zambia a Roma. L’Italia lo ha sempre affascinato, soprattutto per l’ammirazione nei confronti degli imprenditori, ragioni già spiegate precedentemente.

Il Console onorario Pesavento, invece, grazie ad alcuni viaggi di forte carica emotiva, definisce così lo Zambia: “Questa nazione mi rimase nel cuore per la sua selvaggia bellezza, una nazione diversa dalla altre. Lo dico con un po’ di patriottismo! Purtroppo ci vado poco, ma mi è rimasta nel cuore e ho avuto la fortuna di rappresentarla”.

La presenza di istituzioni che rappresentano lo Zambia in Italia, però, non si sofferma solo nella cerchia economica e diplomatica. C’è ben altro: la sua calda popolazione e la cura nel rispetto della cultura.

I zambiani sono molto legati alla propria terra e alla loro bandiera. Racconta divertito il Console di un episodio accaduto tempo fa: “Un giorno, mentre ero in ufficio, ho ricevuto la visita di due studenti zambiani. Erano di ritorno dall’università dove frequentavano un master e, passando, hanno notato la bandiera appesa nella sede del Consolato. Sono saliti da me perché avevano desiderio di conoscere il proprio console”. Nonostante si tratti di una comunità molto esile in numero, sono tutti molto coesi. Il loro motto: One Zambia, one Nation.

A Roma, l’Ambasciatore festeggia con tutta la comunità ogni evento nazionale. Entrambe le figure sono a disposizione di ogni cittadino qualora avesse problemi di differente natura.

Due grandi nazioni, che si rispettano reciprocamente e che hanno molto da offrire l’una all’altra. In Zambia gli italiani sono molto apprezzati, possiedono una corsia preferenziale e per tale ragione il messaggio che il Console e l’Ambasciatore vogliono trasmettere è quello di conoscere questo territorio lontano, ma fertile di opportunità, un territorio pronto ad accogliere calorosamente chi ha coraggio e creatività da offrire.

Giulia Amodeo

Leggi tutte le notizie di STRADE APERTE ›

Giulia Amodeo

Ogni forma d’arte mi affascina e la passione per la scrittura mi accompagna fin dalle scuole Elementari. Nata a Priverno (LT), sono laureata in Comunicazione Interculturale e attualmente studio Comunicazione, ICT e Media. Dopo due anni di scoperta della cultura francese e molti viaggi alle spalle, che mi hanno educata al rispetto e all’amore delle diversità, sono arrivata a Torino, dove vivo ormai dal 2016.

Strade aperte
Questa rubrica nasce convogliando insieme viaggi, scrittura e un’identità culturale fluida e in costante arricchimento grazie all’incontro con l’altro. L'obiettivo è raccontare la multiculturalità che fa di Torino una delle città più ricche e accoglienti. Quartieri carichi di fascino sono popolati da persone di diversa provenienza e cultura. Si parla di storie di vita, di festività nazionali provenienti da tutto il mondo, di lotte pacifiche di natura sociale, di comunità. Culture, ma anche altro, soprattutto con la collaborazione di chi rappresenta le numerose comunità straniere presenti nel territorio piemontese: i Consoli.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium