/ Speciale Coronavirus

| 01 aprile 2020, 16:36

Un giovane di Macello soccorre a distanza chi ha poca dimestichezza con l’informatica

L’iniziativa, appoggiata dal Comune, è rivolta ai concittadini che hanno problemi con le tecnologie

Un giovane di Macello soccorre a distanza chi ha poca dimestichezza con l’informatica

È un giovane macellese di 19 anni, frequenta il quinto anno di una scuola superiore e ha deciso di mettere a disposizione le sue competenze informatiche per i concittadini che incontrano difficoltà nel telelavoro o nelle lezioni a distanza, almeno fino a quando durerà il lockdown.

«In queste settimane naturalmente anche io sono confinato a casa, ho quindi deciso di offrire sostegno a chi si trova alle prime armi con gli strumenti digitali – dichiara Simone Chianalino –. A volte i giovani possono avere problemi ad accedere alle videoconferenze, altre volte i genitori non riescono a districarsi tra i formati dei documenti scambiati con la scuola... per queste e altre esigenze riesco a fornire assistenza a distanza».

Il Comune di Macello ha subito appoggiato la proposta di Chianalino, affiancandolo nella gestione delle richieste di aiuto: «In questa situazione di emergenza, ogni iniziativa del singolo cittadino è benvenuta – conferma l’assessore Irene Bertoli –. Per quanto riguarda l’urgenza di fornire una teleassistenza informatica, ci siamo effettivamente accorti che molti concittadini, sia giovani che anziani, spesso incontrano difficoltà ad utilizzare gli strumenti digitali necessari per lavorare o studiare a distanza».

Il servizio sarà erogato gratuitamente e per accedervi è necessario contattare Irene Bertoli 347 5267450 oppure il consigliere Alessandro De Filippo 340 6664653 inviando un messaggio (anche WhatsApp) indicando nome, cognome e problema riscontrato. 

Elisa Rollino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium