/ Attualità

Attualità | 04 aprile 2020, 15:35

Caselle, l’aeroporto fantasma in cui il tempo sembra essersi fermato: piste vuote e check in deserti [VIDEO]

Negozi chiusi, tanto silenzio e paesaggio spettrale nello scalo torinese: un solo volo operativo, Torino-Roma, e il tabellone partenze-arrivi vuoto come mai prima

Caselle, l’aeroporto fantasma in cui il tempo sembra essersi fermato: piste vuote e check in deserti [VIDEO]

Entrare oggi all’aeroporto Sandro Pertini di Caselle vuol dire trovarsi in un luogo in cui il tempo sembra essersi fermato. All’interno dello scalo torinese non c’è nessuno, a parte qualche persona appartenente alle forze dell’ordine: check in vuoti, negozi chiusi, nessuna fila ai controlli.

Un paesaggio spettrale e sebbene l’aeroporto di Torino non abbia mai colpito per il gran numero di passeggeri, sentire la propria voce rimbombare in un luogo così grande fa effetto. I voli in partenza sono minimi, così come quelli in arrivo. Nell’area partenze, il tabellone dei voli in programma è acceso, ma non indica alcuna destinazione. Sul sito dello scalo, un avviso recita: “L’aeroporto è aperto, ma vi invitiamo a non raggiungerlo se il vostro viaggio non è determinato dalle motivazioni previste dal Decreto della Presidenza del Consiglio del 9 marzo 2020”. Un mese di stop, in pratica.

Anche i cartelli apposti prima della zona del check in sono ormai superati: “Si pregano i passeggeri in coda di mantenere la distanza di almeno un metro uno dall’altro”. Peccato che di persone non vi sia nemmeno l’ombra. In questi giorni l’aeroporto opera solo un volo, una volta al giorno, andata e ritorno: Torino-Roma. E niente più.

Va da sé che che se lo scalo torinese stava vivendo già prima enormi difficoltà, con un 2019 chiusura in negativo in termini di passeggeri (3.952.158, -3,3% rispetto all’anno precedente), il 2020 è iniziato nel peggiore dei modi. Un calo drastico che accomuna tanto l’aeroporto di Torino quanto quelli di tutto il mondo, ma che preoccupa maggiormente il Piemonte per le condizioni di partenza pregresse. Da queste parti, più che una ripartenza terminata l’emergenza Coronavirus, ci si aspetta un vero e proprio decollo.

Andrea Parisotto

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium