/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 14 maggio 2020, 15:50

Treno Pinerolo-Torre Pellice: Legambiente e Unione montana del Pinerolese allo scontro

L’associazione lamenta la mancanza di dialogo e il presidente Canale ribatte: «Il treno non l’abbiamo tolto noi»

Treno Pinerolo-Torre Pellice: Legambiente e Unione montana del Pinerolese allo scontro

L’incontro che doveva tenersi ieri sul futuro della tratta ferroviaria Pinerolo-Torre Pellice, come anticipato da Piazza Pinerolese, non c’è stato e Legambiente (circoli di Pinerolo, Val Pellice, Barge, GreenTo e Peimonte Valle d’Aosta) e le associazioni che sostengono la causa del treno (TrenoVivo, Associazione ferrovie piemontesi, Progetto TrattoxTratto, Salvaiciclisti Pinerolo, Rita Atria Pinerolo, Osservatorio 0121, InValpellice e Fridays for Future Val Pellice e Pinerolo) non l’hanno presa bene.

I sostenitori del treno avevano chiesto di ricevere un’autorizzazione dal prefetto per un incontro di persona, come proposto dai sindaci di Pinerolo e dell’Unione montana del Pinerolese, in alternativa proponevano un confronto online.

«Le associazioni hanno inutilmente atteso sino alle 18 del 13 maggio che l’Unione montana del Pinerolese comunicasse, per via formale o informale, l’autorizzazione prefettizia alla riunione o, in alternativa, l’assenso o il link per il web meeting. Le associazioni constatano ora di essere state lasciate senza possibilità di dialogo e si augurano che questo possa essere a breve garantito dagli enti locali del territorio» è la posizione di Legambiente e compagni di viaggio.

Una posizione che fa storcere il naso a Duilio Canale, sindaco di Luserna San Giovanni e presidente dell’Unione montana del Pinerolese, che vuole proporre assieme a Pinerolo uno studio di fattibilità per creare una linea di bus ecologici e una pista ciclabile al posto dei binari: «Ho telefonato al presidente di Legambiente Val Pellice. La questione del treno non può diventare una battaglia tra Legambiente e i sindaci – replica –. Noi abbiamo fatto una proposta di incontro, che a Legambiente e alle associazioni non andava bene, ora ci organizzeremo per fare un incontro online». Poi lo sfogo: «Non capisco perché debbano prendersela con noi. Non siamo stati noi sindaci a sospendere il treno. È successo otto anni e bisognerebbe prendersela con chi non ha mai protestato perché la linea non funzionava, visti gli orari assurdi».

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium