/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 15 giugno 2020, 06:40

Prima della pandemia i torinesi hanno fatto il "record" di spesa mensile: oltre 2500 euro a famiglia

Gallina (Camera di Commercio): "Dati positivi e stabili, ma con il Coronavirus ci aspettiamo riduzione di acquisti superflui e abitudini: cresceranno l'online e le consegne a domicilio"

Prima della pandemia i torinesi hanno fatto il "record" di spesa mensile: oltre 2500 euro a famiglia

Con 2.554 euro medi mensili, il 2019 aveva fatto registrare il valore di spesa più alto degli ultimi 10 anni per le famiglie torinesi, con un aumento sia dell’alimentare sia del non alimentare, dove l’abitazione da sola impegna oltre il 55%. Erano in crescita tutte le voci tranne l’abbigliamento e le spese per salute e assistenza.

Ma poi è arrivata la pandemia di Coronavirus e il mondo è letteralmente cambiato. Ma gli effetti si potranno valutare soltanto a settembre, quando saranno ufficializzati i dati relativi al primo semestre 2020: facile attendersi una generale riduzione dei consumi superflui e significative modifiche ai comportamenti d’acquisto, con un ricorso maggiore al web, ma anche la riscoperta del negozio di quartiere.

“Lo spaccato del 2019 mostra dati positivi e sostanzialmente stabili, con famiglie che riescono a coprire agevolmente le spese essenziali, come l’alimentare e la casa, ma anche ad incrementare i consumi legati a tempo libero, vacanze, pasti fuori – ha spiegato Dario Gallina, presidente della Camera di commercio di Torino. – A settembre saremo in grado di anticipare i dati del primo semestre 2020, dove sicuramente emergeranno nuove dinamiche, come l’inevitabile riduzione degli acquisti superflui, tra cui quelli destinati a divertimenti, vacanze e pasti fuori casa, e al contrario la crescita dei consumi legati alle nuove tecnologie, come connessioni web e telefonia. L’indagine quindi ci aiuterà non solo a confermare queste prevedibili dinamiche, ma soprattutto ad averne una misura oggettiva. Cambieranno anche i comportamenti di acquisto, con un più frequente ricorso al delivery e allo shopping on line, a cui probabilmente si affiancherà anche la riscoperta del commercio di prossimità. Sarà interessante, infine, capire i cambiamenti nell'attitudine al risparmio in un periodo di così grande incertezza per le famiglie”.

La spesa alimentare nel 2019 vale il 15,7% del totale (era il 13,7% nel 2010), ma questo dato com'è noto si differenzia a seconda della tipologia e della condizione economica delle famiglie: per le famiglie in condizione di debolezza/autosufficienza le spese alimentari rappresentano il 18,4% sul totale mensile, mentre le famiglie in fascia di benessere/agiatezza si fermano al 13,4%.

In termini numerici, la spesa alimentare vale in media 402 euro ogni mese, +6 euro rispetto al 2018. Il 70% si concentra in cinque categorie di prodotti: carni e salumi (da sempre la spesa più ampia con il 21,2%), latte, formaggi e uova (il 14,2%), pane e cereali (il 13,6%) e legumi e ortaggi (il 12,3%).
La spesa non alimentare nel 2019 risulta pari a 2.152 euro, con un lieve incremento rispetto al 2018, ma sostanzialmente stabile nell'ultimo triennio.

Da sempre l’aggregato più “pesante” riguarda la casa, che assorbe più della metà della spesa non alimentare. Nel corso dell’ultimo anno, i costi legati all'abitazione in senso stretto, pari a 796 euro, sono gli unici in aumento (1%, +8 euro), mentre calano le spese destinate alle utenze (-0,7%, -1 euro) e ai mobili e all'arredamento (-1,2%, -2 euro). La casa resterà probabilmente protagonista del bilancio familiare anche nel primo semestre 2020, con un prevedibile aumento delle spese per le utenze, dovuto al lockdown.

Trasporti e comunicazioni raggiungono i 302 euro complessivi, con un aumento di 7 euro rispetto al 2018. L’importo maggiore riguarda gli autoveicoli con 191 euro (il 63,2%): qui si considerano anche le uscite per assicurazione e bolli (-2 euro per 61 euro totali), benzina, gasolio e parcheggi (93 euro, -6 euro) e quelle per la ricambistica (37 euro, +2 euro). Complementare a questa categoria, vi è la spesa per altri consumi, fra cui la biglietteria (24 euro, +3 euro) e altri trasporti (25 euro, -3 euro). In questo caso ci aspettiamo nel primo semestre 2020 un calo per questo tipo di spese, che probabilmente inciderà sul bilancio dell’intero anno.

La quota imputabile alle spese per prodotti e servizi di comunicazione è pari a 62 euro e si divide fra spese per acquisto telefoni e pagamento bollette (il 15% della macro voce), in aumento deciso (+9 euro) dopo un biennio in calo, e altre spese di comunicazione, comprese quelle per connessioni Internet (il 6%, +4 euro). Anche questa voce probabilmente vedrà un incremento nel primo semestre 2020 e a seguire.

In leggera diminuzione era la percentuale delle famiglie torinesi che nel 2019 dichiaravano di aver destinato una quota del reddito famigliare al risparmio: si tratta del 39,2% rispetto al 40% del 2018 e al 54% nel 2015. Scende anche la quota di reddito accantonata: 6,6% rispetto al 7,6% del 2015. Com’è prevedibile, la capacità di risparmio è strettamente correlata alla condizione economica famigliare: i nuclei in stato di “benessere” riescono a risparmiare una quota media mensile più che doppia rispetto a quelli in condizione di “autosufficienza” (il 9,5% contro il 4,5%). L’indagine ci potrà dire a settembre quante famiglie nonostante la crisi saranno ancora in grado di risparmiare e la quota di reddito accantonata.

La Grande Distribuzione Organizzata si conferma il luogo preferito per lo shopping: la scelta infatti ricade nel 40,2% su super/ipermercati, nel 10,4% su hard discount e se a questi si aggiunge la piccola porzione di coloro che comprano nei minimercati, la componente GDO raggiunge quasi il 51% delle scelte, mentre valgono il 10% i centri commerciali. Poco meno del 27% ha come meta il negozio tradizionale di vicinato e circa l‘8% si reca presso i mercati rionali. Internet rappresenta il principale luogo d’acquisto per il 4% delle famiglie. Le percentuali ovviamente si modificheranno nel corso del 2020: sarà interessante monitorare però la continuità di certi fenomeni, ad esempio valutare se la crescita del web o il ricorso al commercio di prossimità si manterrà costante nel tempo o si ridimensionerà con il ritorno delle normali abitudini.

La scelta del luogo dipende generalmente dal bene acquistato. Per i generi alimentari, il 76,2% delle famiglie torinesi si rivolge preferibilmente a esercizi di medie/grandi dimensioni (discount e supermercati-ipermercati). Per i generi non alimentari è il negozio di vicinato che viene preferito nel 43,0% dei casi ma emerge anche un maggior ricorso allo shopping online: in rete si acquistano giochi/videogiochi ed elettrodomestici, ma anche arredamento e abbigliamento/calzature. In generale, la scelta dell’e-commerce per i prodotti non alimentari cresce di due punti percentuali rispetto al 2018, ma è più che raddoppiata nell'ultimo quinquennio e sono le famiglie con figli ad essere le più attive.

Il 61% delle famiglie ha dichiarato di aver acquistato prodotti del commercio equo solidale e ben 8 famiglie su 10 ha scelto prodotti biologici, inserendoli nel proprio carrello almeno una volta al mese nel 4% dei casi. Si evidenziano anche abitudini riferibili a scelte di economia circolare: il 38% delle famiglie ha saltuariamente optato per beni di seconda mano e il 4% vi ha ricorso con frequenza mensile. Infine, ricorre a pagamenti dilazionati (rate) il 18,8% delle famiglie. Normalmente in periodi di crisi queste ultime due voci si incrementano: saranno i dati 2020 a darne conferma.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium