/ Attualità

| 17 giugno 2020, 10:18

Laura Pompeo, da neofita a regina di Facebook. A Moncalieri l’assessore alla Cultura diventa fenomeno social

“Da casa con”, la sua rubrica che ospita personaggi dello spettacolo, della politica e dell’economia, macina numeri da record. “Avevo pensato a 40 per la quarantena”, ma adesso ho già in mente una Fase 2, con nuovi ospiti anche a settembre”

Laura Pompeo, da neofita a regina di Facebook. A Moncalieri l’assessore alla Cultura diventa fenomeno social

Come diventare regina dei social quasi senza saperlo. Di sicuro senza averlo programmato. Protagonista Laura Pompeo, assessore alla Cultura del Comune di Moncalieri, che nel giro di due mesi ha macinato numeri da record, diventando una star di Facebook con la sua rubrica “da casa con”, partita subito dopo Pasqua.

“Facebook lo uso da quando sono diventata assessore, le dirette solo un modo di comunicare più diretto, avevo in mente da un po’ questa idea, ma mai avrei immaginato di suscitare tutto questo interesse”. E’ stupita lei stessa nel raccontare un successo clamoroso, che si traduce in picchi di 12 mila visualizzazioni per le sue dirette, che in breve tempo sono diventate virali. “Da casa con” è nata quasi come un gioco, ha raccontato Laura Pompeo. “Volevo riprendere le fila del rapporto col territorio, durante il lockdown, non disperdere certi contatti, dare un segnale di positività in un momento difficile”. E ci è riuscita benissimo, visto che ha creato un appuntamento quotidiano che lei stessa definisce “un osservatorio utilissimo sulla nostra realtà”.

Quello che era stato un esperimento, cominciato “con una mia cara amica, l’attrice Sara D’Amario”, il 18 di aprile, nel giro di pochi giorni ha ospitato personaggi della cultura, dell’economia e della politica, con un crescendo di contatti e di interesse. Laura Pompeo ha parlato da casa con Lamberto Vallarino Gancia, Gianni Oliva, il presidente dell’Unione Industriale Dario Gallina, Monsignor Bettazzi, il senatore Laus, il regista Mimmo Calopresti, in un crescendo di interesse e di consapevolezza dell’ideatrice della rubrica, diventata nel frattempo un’esperta di StreamYard, il software di trasmissione usato per le sue dirette social.

“Nel primo appuntamento l’amica Sara mi ha dato dei consigli utili: sulle luci, su come fare al meglio le inquadrature, mi ha spiegato l’importanza di usare alcune frasi e modi di dire”. E così “da casa con” è passata di casa in casa, coinvolgendo migliaia di persone su Facebook, con una diretta di mezz’ora in cui si conosce meglio il profilo dei personaggi: “Più che una intevista è una chiacchierata a cuore aperto. E proprio perché la controparte parla dalla propria abitazione, si sente più a suo agio, si lascia andare più facilmente, permettendo di conoscere anche il lato privato, quello meno noto al pubblico”, spiega Laura Pompeo.

Nei prossimi giorni saranno protagonisti anche la scrittrice Margherita Oggero e il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei, mentre per settembre c’è l’idea di coinvolgere Luca Argentero, uno dei belli del cinema italiano, moncalierese doc. “Sì, perché adesso ho già in mente anche la Fase 2 di questo progetto”, ha raccontato la Pompeo. “Quando avevo iniziato avevo pensato ad una quarantina di persone, non sapendo neppure se tutti avrebbero accettato: l’idea iniziale era “40 per la quarantena”, ma adesso sto già stilando una scaletta di personaggi per riprendere da settembre, perché l’idea è quella di farla diventare una rubrica fissa”.

Per intanto l’appuntamento non va ancora in vacanza, ma proseguirà per alcune settimane anche in estate. “Io amo dire ‘da casa non a caso’ durante le mie dirette”, ha ricordato Laura Pompeo. Di sicuro, oramai non è più un caso, ma un fenomeno social quello dell’assessore alla cultura di Moncalieri.

Massimo De Marzi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium