/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 07 luglio 2020, 12:02

Opere pubbliche da finanziare: la circonvallazione di Carmagnola priorità per la Città metropolitana

Presto un momento di confronto con la Regione Piemonte: "Ci chiariremo, i sindaci del territorio possono stare tranquilli". L'intervento di Sarno-Tosco (Pd)

Opere pubbliche da finanziare: la circonvallazione di Carmagnola priorità per la Città metropolitana

Per la Città metropolitana di Torino riveste priorità assoluta e necessita di finanziamenti urgenti la circonvallazione di Carmagnola, così tante altre opere pubbliche inserite nell'elenco trasmesso alla Regione Piemonte.

"Siamo certi che si è trattato solo di una errata interpretazione da parte di piazza Castello della nostra tabella inviata il 14 maggio scorso, dopo un intenso lavoro di concertazione con i sindaci rappresentanti delle 11 zone omogenee dell'intero territorio", commenta il consigliere metropolitano delegato ai lavori pubblici Fabio Bianco che negli ultimi giorni si è dato da fare per tranquillizzare i numerosi sindaci preoccupati per le notizie sulle opere in pole position.

Una lettera inviata nei giorni scorsi da Regione Piemonte alla Città metropolitana e alle Province piemontesi con l'elenco delle opere pubbliche proposte per il nuovo piano investimenti di viabilità ha fatto comprendere subito che qualcosa non andava: "avevamo mandato in Regione le opere richieste suddivise per zona omogenea - spiega Fabio Bianco - ma ci siamo accorti che invece sono state scelte solo le prime in ordine di elenco, senza comprendere che avevamo suddiviso il vasto territorio. Cosi appare esclusa l'attesissima circonvallazione di Carmagnola ma anche altri importanti interventi già concertati".

La Città metropolitana di Torino la prossima settimana incontrerà la Regione Piemonte: "ci chiariremo - rassicura Fabio Bianco - i sindaci possono stare tranquilli". Da Carmagnola, la prima cittadina Ivana Gaveglio concorda ed aggiunge: "Tutta la città auspica che le opere sulla nostra viabilità siano prioritarie nel percorso di rilancio economico del territorio piemontese, in particolare tra le province di Torino, Cuneo e Asti".

 

“Vogliamo sperare che l’esclusione della Circonvallazione di Carmagnola sia soltanto una dimenticanza”, commentano il Consigliere Regionale Diego Sarno e il Consigliere e Segretario di Carmagnola Federico Tosco. “Per due ragioni: la prima è che uno studio condotto nell’ambito della campagna #Cheariatira2020 ha dimostrato empiricamente che la zona centrale di Carmagnola, principalmente per il transito di mezzi pesanti, superi in maniera preoccupante le soglie di allerta di NO2; la seconda è l’opera è già in una fase avanzata di progettazione, con il primo lotto praticamente solo da assegnare tramite bando e con il secondo e il terzo lotto in fase di definizione”.

“Oggi, martedì 6 luglio – precisa il Consigliere Sarno – ho depositato un’altra interrogazione con risposta in aula per fare chiarezza. Una volta per tutte, si spera”.

 

Comunicato Stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium