/ Eventi

Eventi | 13 luglio 2020, 12:13

Mercoledì torna la classica del vivo con Camera d'estate

Appuntamento alle 21 al Teatro Vittoria

Mercoledì torna la classica del vivo con Camera d'estate

Mercoledì nuovo appuntamento con Camera d’estate (Teatro Vittoria – ore 17.30 e ore 21), la rassegna con la quale l’Unione Musicale torna a proporre concerti di musica classica dal vivo. Una formula già consolidata, che porta sul palco i migliori giovani talenti torinesi - in collaborazione con il Conservatorio di Torino - e guidata con passione da Antonio Valentino che, dialogando con il pubblico in sala, racconta caratteristiche, segreti e curiosità del brano in programma.

Nei due nuovi concerti protagonista è il pianoforte: Francesco Maccarrone interpreta un capolavoro della letteratura pianistica del Novecento, Gaspard de la nuit di Maurice Ravel, brano composto nel 1908 e ispirato alle poesie di Aloysius Bertrand che è una vera e propria apoteosi del macabro, una virtuosistica fantasmagoria d’effetti pianistici che traduce in musica quel mondo grottesco alla Edgar Allan Poe che tanto aveva sedotto la Francia del secondo Ottocento. Ravel evoca sui tasti del pianoforte personaggi e atmosfere raccontati nelle poesie: una mitica creatura acquatica che tenta di sedurre un mortale è la protagonista di Ondine (le scale ripetute fanno pensare a rivoli di pioggia e al movimento dell’acqua); una carcassa che penzola da una forca al rintocco di un vicino campanile è il tema di Le gibet (la stessa nota viene ribattuta per tutto il pezzo); Scarbo è invece un folletto che cresce fino a farsi grande come un campanile gotico e poi svanisce nel nulla (questo, dei tre, è il brano più virtuosistico).

 

A soli 23 anni Francesco Maccarrone si sta mettendo in luce per le sue qualità di interprete sensibile e raffinato, particolarmente versato per il repertorio cameristico (è recentissima, tra l’altro, la sua brillante esecuzione del Quintetto di Brahms nel secondo appuntamento di Camera d’estate!). «La musica ha sempre ricoperto un ruolo fondamentale nella mia vita- afferma in una intervista per l’Unione Musicale -. Sin dai primi anni di vita mi sono avvicinato a questo strumento e a soli 9 anni mi sono iscritto al Conservatorio di Torino. L’aver affiancato al percorso scolastico gli studi musicali mi ha aiutato molto a crescere come persona». Vincitore di concorsi internazionali e borse di studio, frequenta il biennio di specializzazione in musica da camera presso il Conservatorio di Torino e si perfeziona presso l’Accademia di Musica di Pinerolo sotto la guida di Gabriele Carcano.

 

Per il ritorno all’attività dal vivo dell’Unione Musicale sono stati rispettati tutti i protocolli di sicurezza, affinché il concerto rappresenti un’esperienza piacevole e appagante pur nel rispetto di alcune semplici norme comportamentali. All’ingresso sarà misurata la temperatura e sarà garantita un’adeguata distanza interpersonale. L’uso della mascherina è obbligatorio per l’accesso in Teatro (non durante il concerto). È assicurata inoltre la regolare e costante igienizzazione degli ambienti.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium