/ Cronaca

Cronaca | 02 agosto 2020, 14:10

La baita simbolo No Tav sarà espropriata il 3 agosto: nel 2010 fu visitata da Beppe Grillo

Nicoletta Dosio: “A poche centinaia di metri, il neonato presidio dei Mulini di Clarea sorride e aspetta”

La baita simbolo No Tav sarà espropriata il 3 agosto: nel 2010 fu visitata da Beppe Grillo

La baita simbolo No Tav, costruita nel 2010 dagli attivisti contro l’Alta Velocità, verrà espropriata nella giornata di domani, lunedì 3 agosto. Attualmente l’edificio, visitato dieci anni fa anche da Beppe Grillo, si trova all’interno del perimetro del cantiere della Torino-Lione, dopo esser stata sgomberata dalle forze dell’ordine nel 2012.

 

Nicoletta Dosio, storica leader No Tav, scrive: “Dopo averla tenuta prigioniera, la lobby del Tav ha decreto che dovrà morire. Ne hanno previsto l’esproprio definitivo e, probabilmente, la demolizione”. “La nostra piccola e amata baita - conclude la Dosio - è un avversario pericoloso perché porta in sé una storia concreta di lotta irriducibile, generosa e bella per un mondo più giusto e vivibile per tutti. A poche centinaia di metri, oltre il torrente, il neonato presidio dei Mulini di Clarea sorride e aspetta”. Una frase sibillina, che lascia intendere come la lotta No Tav continui ogni giorno nel presidio ormai simbolo del popolo contrario alla Torino-Lione.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium