Politica | 05 agosto 2020, 18:23

Rivalta, il sindaco iscrive all'anagrafe comunale un migrante nigeriano

Il giovane, 28 anni, è domiciliato da due anni al CAS del Dojrone. L'iscrizione è stata richiesta per motivi di lavoro dalla cooperativa Le Soleil di Verrès

Rivalta, il sindaco iscrive all'anagrafe comunale un migrante nigeriano

Questa mattina il sindaco di Rivalta Nicola de Ruggiero ha iscritto all'anagrafe comunale Josaih Edwin, ventottenne nigeriano originario della città di Umenede, da due anni domiciliato al CAS del Dojrone.

L’iscrizione è stata chiesta per motivi lavorativi dalla cooperativa Le Soleil di Verrès, che ha in gestione il Centro di Accoglienza Straordinaria del Dojrone. Josaih Edwin è arrivato in Italia quattro anni fa. Per due anni è stato ospitato al Cara di Castelnuovo di Porto poi, dopo la chiusura del centro è stato trasferito nella struttura del Dojrone. Nei mesi scorsi ha lavorato come volontario alla biblioteca comunale Silvio Grimaldi e ha concluso il ciclo di studi secondari di primo grado, ottenendo la licenzia media.

Per Josaih si è trattato di un nuovo inizio perché, prima di lasciare la Nigeria, frequentava già un corso di studi superiori. Oggi, pur continuando gli studi, lavora a Rivoli in un'impresa del settore edile. La registrazione permetterà ora a Josaih Edwin di non perdere diritti fondamentali garantiti dalla nostra Costituzione come il diritto alla salute, al lavoro e alla casa. La registrazione è conforme alla pronuncia della Corte costituzionale che giovedì 9 luglio ha rilevato nelle disposizioni del decreto Sicurezza una duplice violazione dell’articolo 3 della Costituzione: "non agevola il perseguimento delle finalità di controllo del territorio dichiarate dal decreto" e – ha scritto la Consulta – soprattutto provoca una "disparità di trattamento", rendendo "ingiustificatamente più difficile ai richiedenti asilo l’accesso ai servizi che siano anche ad essi garantiti".

L'iscrizione anagrafica di questa mattina fa seguito a quella del 30 settembre 2019, quando sempre il sindaco di Rivalta registrò all'anagrafe Ousseynou Fall, migrante senegalese di 40 anni anche lui domiciliato al CAS del Dojrone.

redazione

Leggi tutte le notizie di STRADE APERTE ›

Giulia Amodeo

Ogni forma d’arte mi affascina e la passione per la scrittura mi accompagna fin dalle scuole Elementari. Nata a Priverno (LT), sono laureata in Comunicazione Interculturale e attualmente studio Comunicazione, ICT e Media. Dopo due anni di scoperta della cultura francese e molti viaggi alle spalle, che mi hanno educata al rispetto e all’amore delle diversità, sono arrivata a Torino, dove vivo ormai dal 2016.

Strade aperte
Questa rubrica nasce convogliando insieme viaggi, scrittura e un’identità culturale fluida e in costante arricchimento grazie all’incontro con l’altro. L'obiettivo è raccontare la multiculturalità che fa di Torino una delle città più ricche e accoglienti. Quartieri carichi di fascino sono popolati da persone di diversa provenienza e cultura. Si parla di storie di vita, di festività nazionali provenienti da tutto il mondo, di lotte pacifiche di natura sociale, di comunità. Culture, ma anche altro, soprattutto con la collaborazione di chi rappresenta le numerose comunità straniere presenti nel territorio piemontese: i Consoli.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium