/ Attualità

Attualità | 17 settembre 2020, 11:10

Erba gialla, toppe e sampietrini: le piazze auliche di Torino assediate dal degrado [FOTO e VIDEO]

Residenti e soprattutto commercianti chiedono interventi di manutenzione straordinaria per far tornare i luoghi simbolici di Torino al loro antico splendore

Erba gialla, toppe e sampietrini: le piazze auliche di Torino assediate dal degrado [FOTO e VIDEO]

Un ciuffo d’erba gialla e poi un altro. Un sampietrino rotto e una toppa. Si faticano a riconoscere le piazze auliche di Torino: da piazza Castello a piazza Vittorio, passando per il Salotto di piazza San Carlo, i luoghi iconici del capoluogo piemontese versano in un evidente stato di sofferenza.

Le segnalazioni dei residenti si susseguono e per i turisti il biglietto da visita non è certo dei migliori. La mancata manutenzione, i continui lavori di manutenzione ordinaria e un’assenza da diverso tempo di veri e propri interventi strutturali, uniti al passare del tempo, hanno portato a risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Laddove vi sono i sampietrini, come in piazza Vittorio e in piazza San Carlo, le fessure tra una pietra e l’altra ospitano ciuffi d’erba. Il colore giallo paglierino rende l’idea di quanto tempo abbia avuto la natura per crescere e mutare. Se all’ombra del Caval ëd Bronz la situazione non è così evidente se non davanti alle "chiese gemelle", nella zona della movida, i tavolini dei bar sono letteralmente appoggiati su un insolito tappeto giallo.

Non va di meglio in piazza Castello, dove la pavimentazione regolare e squadrata è ormai un lontano ricordo. Le toppe sono ovunque e l'asfalto utilizzato per realizzarle è di un colore totalmente diverso rispetto all'originale. Il risultato? Una scacchiera grigio chiaro-grigio scuro, a cui negli ultimi giorni si sono aggiunte transenne e nastri bianco e rossi. Per terra, disegnati sulle lastre di pietra, disegni in ricordo di una manifestazione. Sotto i portici, proprio all'imbocco della galleria Subalpina, i graffiti hanno letteralmente ricoperto i muri storici.

Poco distante, in piazza Carignano e piazza Carlo Alberto, il porfido "saltato" davanti al teatro e la transenna di fronte al Museo del Risorgimento lasciano intendere come la situazione non sia poi così diversa anche in queste più piccole, ma comunque caratteristiche, piazze torinesi.

Da qui l'esplicita richiesta dei cittadini, dei residenti, e soprattutto dei commercianti: programmare il prima possibile interventi di manutenzione straordinaria per far tornare le piazza auliche di Torino al loro antico splendore.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium